Sicurezza

Dal 14 marzo taser a forze di polizia in 18 città italiane

"L'utilizzazione dell'arma ad impulsi elettrici da parte degli operatori della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di finanza, in diciotto città italiane, costituisce un passo importante per ridurre i rischi"

Dal 14 marzo taser a forze di polizia in 18 città italiane
CLEMENT MAHOUDEAU/AFP via Getty Images
Taser: pistola elettrica. Il nome è l'acronimo di "Thomas A. Swift's Electric Rifle", cioè "fucile elettrico di Thomas A. Swift", tratto dal romanzo di Victor Appleton del 1911

Le forze dell'ordine di 18 città italiane, a partire dal prossimo 14 marzo, saranno armate di taser, così come già annunciato lo scorso giugno. A dare notizia la ministra degli Interni Luciana Lamorgese: 

"L'utilizzazione dell'arma ad impulsi elettrici da parte degli operatori della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Guardia di finanza, in diciotto città italiane, costituisce un passo importante per ridurre i rischi per l'incolumità del personale impegnato nelle attività di prevenzione e controllo del territorio. (…) Grazie all'adozione del dispositivo, le forze di polizia saranno in grado di gestire in modo più efficace e sicuro le situazioni critiche e di pericolo. L'operatività del nuovo strumento segue uno specifico periodo di sperimentazione e un ciclo di formazione degli operatori in grado di garantire che la sua utilizzazione avvenga nel rispetto delle condizioni di sicurezza tenuto conto dei soggetti coinvolti e del contesto ambientale".

Le 4.482 armi ad impulso elettrico saranno impiegate in 14 Città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di Caserta, Brindisi, Reggio Emilia e Padova, secondo un programma che si concluderà a fine marzo e che verrà esteso alle restanti aree del territorio nazionale dal mese di maggio.

Taser è l'acronimo di Thomas Swift's Electric Rifle, cioè "fucile elettrico di Thomas A. Swift", tratto dal romanzo del 1911 “Tom Swift and His Electric Rifle” di Victor Appleton, e viene comunemente chiamato “pistola elettrica” o “storditore elettrico”. Fa parte di quelle che vengono definite “armi non letali” e sono un'arma propria, ma non a fuoco,  per la quale occorre la licenza

Il funzionamento è quello di una scossa elettrica che paralizza il soggetto. Un soggetto colpito da taser, infatti, non è in grado di muovere le articolazioni e subisce la contrattura muscolare.