Russia, Bbc, Cbs, Cnn e Bloomberg sospendono le attività dei loro corrispondenti

Fino a 15 anni di carcere per i giornalisti che parlano di 'guerra' in Ucraina, aumenta la pressione di Mosca su chi non segue la propaganda.

Russia, Bbc, Cbs, Cnn e Bloomberg sospendono le attività dei loro corrispondenti
Pixabay
Giornalisti con il bavaglio. Fino a 15 anni di carcere per chi parla di invasione

Scende il buio sull'informazione, il Parlamento Russo approva una legge contro l'informazione libera. Stop a Facebook e Twitter, Bbc, Cbs, Cnn e Bloomberg sospendono le attività dei loro corrispondenti: “La loro sicurezza è a rischio”.

Il Cremlino non vuole dunque che si sappia la verità su quello che accade in Ucraina e perciò l'ha resa illegale. Ieri il presidente russo Vladimir Putin ha siglato la legge approvata per direttissima dalle due Camere del Parlamento che prevede condanne fino a 15 anni di carcere per cittadini russi e stranieri che diffondono "informazioni false sulle forze armate". È una nuova Cortina di ferro issata per presentare l'invasione dell'Ucraina alla popolazione come un'operazione limitata e mirata per proteggere gli ucraini di lingua russa dal "genocidio".

La stretta sui bulloni che regolano l’informazione era stata annunciata. Una settimana fa, il Comitato statale per l’editoria e i mezzi di comunicazione aveva intimato a dieci testate indipendenti di cancellare dai loro siti le notizie prese da «fonti nemiche o erronee» proibendo “con effetto immediato” l’utilizzo della parola guerra. Era più di un avvertimento. Si trattava di un ultimatum, al quale hanno fatto seguito i fatti. La Duma in seduta congiunta ha approvato in fretta e furia, con 410 voti favorevoli e zero contrari, un emendamento al Codice penale russo che trasforma in un reato la diffusione di notizie false e che gettano discredito sull’esercito russo. Esisteva già una legge simile. La novità è che il massimo della pena prevista è stato alzato da 3 a 15 anni. La nuova legislazione entrata in vigore ha come bersaglio l’informazione indipendente online. È una strategia che risponde a una logica ben precisa. È la Russia della televisione dal pensiero unico e governativo opposta a quella di Internet. Non è un caso che il governo continui a limitare l’accesso a Facebook, dove gli account che espongono scritte contro la guerra vengono oscurati a getto continuo. Ora vedremo cosa accadrà anche in casa nostra, dare notizie sembra essere sempre più un'impresa impossibile...