Per fornire liquidità a Kiev

Zelensky e Michel lanciano l'idea di un Fondo di solidarietà per l'Ucraina

Il fondo servirebbe a finanziare le importazioni di beni di prima necessità e l'equipaggiamento militare. Al momento l'Ucraina non è in grado di emettere obbligazioni sul mercato finanziario internazionale per coprire i propri bisogni

Zelensky e Michel lanciano l'idea di un Fondo di solidarietà per l'Ucraina
Getty
Voldymyr Zelensky - Charles Michel

l presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il presidente ucraino Voldymyr Zelensky, per discutere la creazione di un Fondo di solidarietà per l'Ucraina che aiuterebbe il paese a sostenere i suoi sforzi bellici. Per quanto riguarda il sostegno dell'Ue, Michel ha sottolineato ancora una volta il continuo appoggio all'Ucraina in termini politici, finanziari, umanitari e materiali, e ha annunciato che questo sarà al centro delle discussioni fra i capi di Stato e di governo al Consiglio europeo della prossima settimana, a Bruxelles. I due presidenti hanno discusso dell'impellente bisogno dell'Ucraina di accedere alla liquidità internazionale per finanziare le importazioni di beni di prima necessità e di equipaggiamento militare. Nelle circostanze attuali, l'Ucraina non è in grado di emettere obbligazioni sul mercato finanziario internazionale per coprire i propri bisogni, e stanno venendo a mancare anche gli investimenti privati. Ed è un questo contesto che Michel e Zelensky hanno parlato della proposta del Fondo di solidarietà per l'Ucraina.

Il Fondo dovrebbe, a breve termine, fornire liquidità per permettere alle autorità governative di continuare a funzionare, per finanziare gli sforzi di difesa in corso e per garantire la fornitura di servizi di base per soddisfare i bisogni immediati dei cittadini (vitto e alloggio, assistenza sanitaria), in modo che possano far fronte alla situazione di guerra. A lungo termine il Fondo dovrebbe prevedere massicci investimenti per ricostruire l'economia (infrastrutture, reti, imprese), in vista dell'ancoraggio economico all'Occidente. Nel complesso, questo "Trust Fund" per la solidarietà all'Ucraina dovrebbe rafforzare la sua sovranità nazionale in materia finanziaria. Infine, secondo le fonti di Bruxelles, il Fondo dovrebbe essere costituito con i contributi raccolti in una Conferenza internazionale di donatori.