Osservazione da record

Hubble fotografa Earendel, la singola stella più lontana mai osservata

Distante 13 miliardi di anni luce, la stella è esistita nel primo miliardo di anni dopo la nascita dell'Universo

Hubble fotografa Earendel, la singola stella più lontana mai osservata
Esa/Nasa
Hubble fotografa Earendel a 13 miliardi di anni luce

Il telescopio spaziale Hubble ha stabilito un nuovo straordinario punto di riferimento, rilevando la luce di una stella esistita nel primo miliardo di anni dopo la nascita dell'Universo, cioè dopo il Big Bang. Si tratta della singola stella più distante mai osservata prima, ed è stata ribattezzata Earendel ("stella del mattino" in inglese antico). A rivelarlo è uno studio condotto dalla Johns Hopkins University di Baltimora e pubblicato su Nature. La scoperta è stata fatta dai dati raccolti durante il programma RELICS (Reionization Lensing Cluster Survey) di Hubble. 

Hubble fotografa Earendel Esa/Nasa
Hubble fotografa Earendel

Questa scoperta è un enorme salto indietro nel tempo rispetto alla precedente detentrice del record, scoperta sempre da Hubble nel 2018. Quella stella esisteva quando l'Universo aveva circa 4 miliardi di anni. La stella appena rilevata è così lontana che la sua luce ha impiegato 12,9 miliardi di anni per raggiungere la Terra, apparendoci come quando l'Universo aveva solo il 7% della sua età attuale. Gli oggetti più piccoli visti in precedenza a una distanza così grande erano ammassi di stelle, incorporati all'interno delle prime galassie.

Il team di ricercatori stima che Earendel abbia una massa almeno 50 volte quella del Sole, e milioni di volte più brillante. Ma nonostante le enormi dimensioni e lucentezza, a tali distanze sarebbe impossibile rilevarla senza l'aiuto di un "ingrandimento naturale", che in questo caso viene fornito dall'immenso ammasso di galassie SHL0137-08, situato tra noi e Earendel. La massa di questo cluster distorce il tessuto spaziotempo creando un potente effetto lente che amplifica la luce degli oggetti al di là di esso.

"All'inizio quasi non ci credevamo, era molto più lontano della precedente stella più distante", ha detto l'astronomo Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora, autore principale del documento. "Normalmente a queste distanze, intere galassie sembrano piccole macchie, la luce di milioni di stelle che si fonde insieme. La galassia che ospita questa stella è stata ingrandita e distorta dalle lenti gravitazionali in una lunga mezzaluna che abbiamo chiamato 'Sunrise Arc'".

La scoperta promette di aprire un'era inesplorata di formazione stellare molto precoce. "Earendel esisteva così tanto tempo fa che potrebbe non avere avuto tutte le stesse materie prime delle stelle che ci circondano oggi", ha spiegato Welch. "Lo studio di Earendel sarà una finestra su un'era dell'Universo che non conosciamo, ma che ha portato a tutto ciò che sappiamo. È come se avessimo letto un libro davvero interessante, ma abbiamo iniziato con il secondo capitolo e ora avremo la possibilità di vedere come è iniziato tutto."