Incendi in Russia

La foresta siberiana brucia incontrollata: i militari che se ne occupano sono impegnati in Ucraina

In Siberia incendi di grandi dimensioni stanno diventando sempre più comuni tra la primavera e l'autunno, secondo Greenpeace Russia quest'anno l'area interessata dagli incendi ha raddoppiato rispetto allo scorso anno

Le foreste siberiane stanno bruciando incontrollate  perché le unità militari russe che di solito si occupano di loro sono state trasferite per combattere in Ucraina. Incendi di grandi dimensioni stanno diventando sempre più comuni, in Siberia, tra la primavera e l'autunno. Jessica McCarty, ricercatrice sul clima presso la Miami University of Ohio, ha dichiarato al sito web di Axios: “Poiché i più grandi incendi spesso richiedono aerei militari per essere posti sotto controllo, è discutibile che questa capacità sarà disponibile anche durante l'estate se la guerra continua. Quindi, o ci saranno più incendi ... o questi aerei e il personale saranno ritirati dal fronte occidentale e portati in Siberia".

Greenpeace Russia ha affermato che l'attuale area interessata dagli incendi nel Paese ha già raddoppiato la sua estensione riispetto ad aprile 2021. La situazione sembra particolarmente allarmante nelle regioni di Omsk e Kurgan dove sono molti gli incendi incontrollati, e il fumo insidia città e autostrade. Gli incendi sono particolarmente pericolosi in una regione come quella della Siberia vicina al Circolo polare artico, perché facilitano ulteriormente il discioglimento del permafrost, che rilascia anidride carbonica e metano nell'atmosfera. Il metano, in particolare, è un potente gas a effetto serra che impatta seriamente sul fenomeno del riscaldamento globale.