Brutto colpo per Johnson alle amministrative, storico sorpasso Sinn Fein in Irlanda del Nord

Il risultato negativo era atteso, ma probabilmente non in queste proporzioni. Il premier paga il partygate e la congiuntura economica negativa

Brutto colpo per Johnson alle amministrative, storico sorpasso Sinn Fein in Irlanda del Nord
AP Photo/Matt Dunham, Pool
Boris johnson

Botta dura per Boris Johnson alle elezioni amministrative. Il risultato negativo era atteso, ma probabilmente non in queste proporzioni. Un dato elettorale di metà termine che non mette a rischio la poltrona del primo ministro ma che sicuramente mette in grande difficoltà i Tory, il partito conservatore.

Johnson paga il coinvolgimento in prima persona di nello scandalo Partygate, ovvero la scandalo dei ritrovi organizzati in barba alle regole anti Covid a Downing Street in epoca di lockdown. Ma pesa anche lo scenario economico negativo segnato dal ritorno dell'inflazione e del caro bollette.

In totale al voto sono andati 146 consigli comunali e locali. I Tories ne hanno persi una decina sugli oltre 30 che guidavano dal 2018, lasciando per strada il seggio di circa 300 consiglieri su quasi 2000. Meno dei 550 delle previsioni peggiori, comunque parecchi.

A rischiare di destabilizzare il Paese è in realtà soprattutto l'epilogo del voto cruciale per il Parlamento locale di Belfast: con l'inedito sorpasso dei repubblicani cattolici del Sinn Fein (sulla carta sostenitori della riunificazione con Dublino) come primo partito e forza di maggioranza relativa dell'Irlanda del Nord sugli unionisti protestanti del Dup. Un sorpasso destinato ad aggravare le tensioni già riaccese dal dopo Brexit. 

Il Sinn Fein, l'antico braccio politico dell'Ira (Irish Republican Army), secondo i risultati definitivi ha conquistato 27 seggi e Michelle O'Neill, leader del partito, diventerà il primo ministro nazionalista nella storia del Paese. In seconda posizione si è collocato il Partito democratico unionista con 24 seggi.

Ma a minacciare il Partito conservatore e il governo centrale è soprattutto lo scivolone di Londra: metropoli di cui Boris è stato per 8 anni sindaco popolare e dove i suoi cedono ora al Labour 3 Municipi circoscrizionali simbolo (fra 32 complessivi della capitale) come quello di Westminster (cuore dei palazzi del potere), di Barnet (a forte presenza ebraica) e di Wandsworth (feudo caro a Margaret Thatcher).

Irlanda del Nord, Michelle O'Neill del partito Sinn Fein accolta dagli elettori al al centro di conteggio elettorale di Medow Bank AP Photo/Peter Morrison
Irlanda del Nord, Michelle O'Neill del partito Sinn Fein accolta dagli elettori al al centro di conteggio elettorale di Medow Bank