Un aggiornamento sulle misure di sicurezza per i viaggi

Covid: dal 16 sui voli aerei dall' Italia resta l'obbligo delle mascherine

I ministeri della Salute e dei Trasporti e l'Enac confermano che: "Fino al 15 giugno vige l'ordinanza firmata dal ministro Speranza con l'obbligo della mascherina sui mezzi di trasporto"

Covid: dal 16 sui voli aerei dall' Italia resta l'obbligo delle mascherine
Getty
Aeroporto, mascherine

Dal 16 maggio, partendo con voli aerei dall'Italia bisognerà indossare la mascherina dal momento che l'ordinanza in vigore prevede che l'obbligo di mascherina su mezzi di trasporto e aerei permanga fino al 15/6. 

Le nuove linee guida Ecdc-Aesa (Agenzia europea sicurezza aerea) prevedono infatti che "se gli Stati di partenza o destinazione richiedono l'uso di mascherine nei trasporti pubblici, gli operatori aerei dovrebbe richiedere ai passeggeri e equipaggio di indossare una mascherina oltre il 16/5. Negli altri casi, dal 16/5, gli operatori aeronautici e aeroportuali dovrebbero continuare a incoraggiare" l'uso della mascherina.

In effetti il direttore dell'Ecdc, Andrea Ammon aveva in parte anticipato la decisione dichiarando:  "Le regole e i requisiti degli Stati di partenza e di destinazione dovrebbero comunque essere rispettati e applicati in modo coerente e gli operatori di viaggio dovrebbero avere cura di informare i passeggeri di tutte le misure richieste in modo tempestivo. L'importanza di queste misure dovrebbe continuare a essere comunicata in modo efficace ai passeggeri per la loro sicurezza e l'Ecdc continuerà a lavorare con i nostri colleghi dell'Easa per valutare e modificare regolarmente le raccomandazioni, se necessario".

Anche da parte dei ministeri della Salute e dei Trasporti e dall'Enac, la conferma che: "Fino al 15 giugno vige l'ordinanza firmata dal ministro Speranza, che obbliga ancora a indossare i dispositivi di protezione su tutti i mezzi di trasporto, aerei compresi. E questo anche se si parte da un Paese dove l'obbligo non esiste più". Non dovrebbe però esserci un'ulteriore proroga: l'obbligo, già superato per negozi, ristoranti, bar, eventi all'aperto, non dovrebbe essere prolungato oltre il 15 giugno.