Ecco cosa c'è nel decreto legge "Aiuti"

Dl Aiuti: nella bozza al vaglio dei ministri 50 articoli, da energia a lavoro ed Enti territoriali

Dalle disposizioni in materia di energia e imprese alle misure per il sostegno della liquidità per le attività, per la ripresa economica e la produttività; dagli interventi per il lavoro, pensioni e servizi ai cittadini a quelli per la crisi ucraina

Dl Aiuti: nella bozza al vaglio dei ministri 50 articoli, da energia a lavoro ed Enti territoriali
Consiglio dei Ministri
Consiglio dei Ministri

Sarà la conferenza stampa del presidente del Consiglio, Mario Draghi, insieme ai ministri dell'Economia Franco, della Transizione ecologica, Cingolani, e del Lavoro, Orlando, al termine del Consiglio dei ministri, a illustrare il decreto legge appena “sfornato”, destinato a dare sollievo e aiuti a imprese e famiglie per fronteggiare gli effetti della crisi ucraina.

50 articoli

In quella che per il momento è ancora una bozza, sono inseriti vari interventi che vanno dalle disposizioni in materia di energia e imprese alle misure per il sostegno della liquidità per le attività e per la ripresa economica e la produttività; dagli interventi per il lavoro, pensioni e servizi ai cittadini a quelli in favore degli enti territoriali e in relazione alla crisi ucraina. In tutto sono 50 gli articoli che compongono la bozza del decreto legge all'esame del Consiglio dei ministri.

Valore complessivo degli aiuti verso i 14 miliardi

Si attesterebbe su un valore complessivo di 14 miliardi il Dl aiuti . Nel provvedimento, a quanto si apprende, ci sarebbe anche l'incremento del 15% della tassa sugli extraprofitti delle imprese.

600 milioni alle grandi città per gli obiettivi del Pnrr

Un fondo da 600 milioni di euro a sostegno degli obiettivi del Pnrr per le grandi città. È una delle misure previste nella bozza del decreto aiuti. Il fondo, nello stato di previsione del Ministero dell'Interno, ha una dotazione di 100 milioni per il 2022, 200 per il 2023, altrettanti per il 2024 e 100 milioni per il 2025, destinati a Comuni con oltre 800.000 abitanti.

Bonus sociale per energia elettrica e gas retroattivo

Rinnovato il bonus sociale che diventa retroattivo perché eventuali pagamenti di somme eccedenti saranno automaticamente compensati in bolletta una volta presentata l'Isee. Lo prevede la bozza del decreto legge Aiuti con "misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi Ucraina". "Ai fini delle dichiarazioni Isee si interpreta nel senso che in caso di ottenimento di attestazione che permette l'applicazione dei bonus sociali elettricità e gas l'eventuale intervenuto pagamento, nell'anno in corso ma in data antecedente all'ottenimento dell'attestazione, di somme eccedenti a quelle dovute sulla base dell'applicazione del bonus, è oggetto di automatica compensazione da effettuare nelle bollette immediatamente successive, ovvero qualora questa non sia possibile, di automatico rimborso. Nel caso in cui il pagamento non sia stato ancora effettuato, l'importo è rideterminato con applicazione del bonus", si legge nella bozza. La richiesta era stata avanzata dai sindacati.

Commissari per i rigassificatori

Le opere necessarie per aumentare la capacità di rigassificazione italiana con unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione (FSRU- Floating storage and regasification unit) e le connesse infrastrutture "costituiscono interventi di pubblica utilità, indifferibili e urgenti". Per la loro realizzazione "sono nominati uno o più Commissari straordinari di Governo" con decreto del presidente del Consiglio. Iter semplificato per la loro autorizzazione con un procedimento unico da concludersi entro 120 giorni dalla data di ricezione dell'istanza. Le amministrazioni "a qualunque titolo interessate nelle procedure autorizzative, incluso il rilascio della concessione demaniale marittima, delle opere e delle infrastrutture connesse" attribuiscono alle stesse "priorità e urgenza negli adempimenti e nelle valutazioni di propria competenza". 

Superbonus già con il 30% dei lavori

“Per gli interventi effettuati su unità immobiliari dalle persone fisiche, la detrazione del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, a condizione che alla data del 30 settembre 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell'intervento complessivo, nel cui computo possono essere compresi anche i lavori non agevolati”.

Regioni verso aggiornamento dei prezziari per gli appalti

Le regioni entro il 31 luglio devono procedere ad un aggiornamento infrannuale dei prezzari. È quanto prevede, secondo indiscrezioni, la bozza del decreto sul tavolo del consiglio dei ministri nelle misure per fronteggiare gli aumenti dei prezzi di materie prime e energia in relazione agli appalti pubblici di lavori. i prezzari aggiornati entro il 31 luglio cessano di avere validità entro il 31 dicembre e possono essere transitoriamente utilizzati fino al 31 marzo 2023 per i progetti a base di gara la cui approvazione sia intervenuta entro tale data. 

Il Commissario per il Giubileo avrà poteri straordinari sui rifiuti

"Al fine di assicurare gli interventi funzionali alle celebrazioni del Giubileo della Chiesa cattolica per il 2025 nella Città di Roma Capitale, in considerazione della esigenza di prevenire gravi criticità nella gestione dei rifiuti urbani" il Commissario straordinario del governo per il Giubileo 2025 "esercita le competenze assegnate alle regioni".

In particolare il Commissario per il Giubileo "predispone e adotta il piano di gestione dei rifiuti di Roma Capitale", "regolamenta le attività di gestione dei rifiuti, ivi compresa la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, anche pericolosi", "elabora e approva il piano per la bonifica delle aree inquinate", "approva i progetti di nuovi impianti per la gestione di rifiuti, anche pericolosi, assicura la realizzazione di tali impianti e autorizza le modifiche degli impianti esistenti" e "autorizza l'esercizio delle operazioni di smaltimento e recupero di rifiuti, anche pericolosi". 

Iva metano per auto al 5% fino all'8 luglio

Fino all'8 luglio "l'aliquota IVA applicata al gas naturale usato per autotrazione è stabilita nella misura del 5%". 

200 milioni per le imprese colpite dalla crisi ucraina

È istituito, nello stato di previsione del ministero dello Sviluppo economico, un Fondo con una dotazione di 200 milioni finalizzato a far fronte, mediante erogazione di contributi a fondi perduto, alle ripercussioni economiche negative per le imprese nazionali derivanti dalla crisi internazionale in Ucraina, che si sono tradotte in perdite di fatturato derivanti dalla contrazione della domanda, dall'interruzione di contratti e progetti esistenti e dalla crisi nelle catene di approvvigionamento".

Enti locali, 240 milioni in 3 anni per calo entrate

In arrivo 80 milioni l'anno, per il triennio 2022-2024, per compensare gli enti locali delle mancate entrate dell'imposta provinciale di trascrizione e dell'rc auto. ''Nello stato di previsione del ministero dell'Interno - si legge nel provvedimento - è iscritto un fondo pari a 80 milioni di euro annui per ciascuno degli anni 2022-2024 destinato alle province e
città metropolitane delle regioni a statuto ordinario e delle regioni Sicilia e Sardegna che hanno subito una riduzione percentuale nel 2021 rispetto al 2019 del gettito dell'Imposta provinciale di trascrizione (Ipt) o rc auto superiore, rispettivamente, al 16% e al 10%, come risultante dai dati a disposizione del dipartimento delle Finanze''.

Il fondo è ripartito, con decreto del ministero dell'Interno di concerto con il ministero dell'Economia, d'intesa con la Conferenza stato città ed autonomie locali, entro 30 giorni dall'entrata in vigore del presente decreto, sulla base della popolazione residente al 1° gennaio 2021.

Verso cambio facilitato grivnia/euro per ucraini

Gli sfollati provenienti dall'Ucraina potranno convertire in euro banconote di grivnia, la moneta ucraina, senza commissioni di cambio e senza apertura di un conto. Si prevede un limite massimo di cambio di 10.000 grivnia (circa 320 euro) a persona, al tasso definito dalla banca nazionale ucraina, e comunicato da bankitalia sul proprio sito. Secondo la bozza, lo stato presta garanzia alla Banca d'Italia in caso di inadempimento da parte della banca nazionale di Ucraina dell'obbligo di acquisto delle banconote. 

100 euro al giorno ai comuni per i minori ucraini soli

Ai comuni che accolgono minori non accompagnati provenienti dall'Ucraina, vengono rimborsati i costi sostenuti, fino a un massimo di cento euro al giorno pro-capite. lo prevede, secondo indiscrezioni, la bozza del dl aiuti entrante in cdm. A questo scopo, il fondo per le emergenze nazionali sarà incrementato di 58,5 milioni per il 2022. 

Procedimenti velocizzati per le autorizzazioni delle rinnovabili

Procedimenti semplificati per l'autorizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Con riferimento ad alcune norme del Codice dell'ambiente (Dlgs 152/2006), viene stabilito un termine di 60 giorni trascorsi i quali, se la decisione del Consiglio dei ministri si esprime per il rilascio del provvedimento di VIA- Valutazione impatto ambientale, l'autorizzazione si intende rilasciata. Alle riunioni del Consiglio dei ministri convocate per l'adozione delle deliberazioni partecipano, senza diritto di voto, i presidenti delle Regioni e delle Province autonome interessate, perché possano esprimere definitivamente la posizione dell'amministrazione di riferimento e delle amministrazioni non statali che abbiano partecipato al procedimento autorizzatorio.