Tirana

La Roma di Mourinho batte il Feyenoord 1-0 e vince la Conference League

Decide il gol di Zaniolo al 32'. Era dal 2010 che una squadra italiana non conquistava una coppa in Europa. Le lacrime dell'allenatore giallorosso

La Roma di Mourinho batte il Feyenoord 1-0 e vince la Conference League
Getty
La Roma vince la Conference League

La Roma a 31 anni dalla sua ultima finale europea trionfa a Tirana, conquistando la Conference League, alla sua prima edizione, battendo in finale il Feyenoord 1-0. 

Il gol vittoria dei giallorossi è firmato da Zaniolo al 32' del primo tempo, risultato tenuto dalla squadra di Mourinho con le unghie e con i denti fino al 95'. Una gara di tecnica e cuore che regala alla Roma un trofeo europeo che mancava dalla Coppa delle Fiere del 1961. Per il portoghese è il quinto trionfo continentale, dopo una Coppa Uefa (Porto), due Champions (Porto e Inter) e un'Europa League (Manchester United): è il primo e l'unico tecnico ad aver vinto in tutte e tre le competizioni Uefa. Mou alla fine del match ha pianto per la commozione.

L'Italia torna a sollevare un trofeo europeo dopo 12 anni dall'Inter del triplete dello stesso Mourinho, vincitore della Champions contro il Bayern Monaco.

La cronaca

Per la finale di Tirana Mourinho schiera Pellegrini e Zaniolo sulla trequarti alle spalle di Abraham. Con Mkhitaryan a centrocampo con Cristante. Per il resto la formazione tipo. Il tecnico del Feyenoord Arne Slot si affida all'esperienza di Senesi in difesa, alla qualità di Kökçü a centrocampo e a Dessers come terminale offensivo.

Il Feyenoord parte con un pressing asfissiante ma la Roma riesce a rispondere senza rischiare in avvio. Al 15' Pellegrini avvia il contropiede ma scivolando perde l'abbrivio iniziale e manca il passaggio filtrante verso Zaniolo in profondità. Proprio dopo un quarto d'ora però i giallorossi perdono Mkhitaryan che ha una ricaduta dopo l'infortunio di un mese fa al flessore della coscia destra. L'armeno lascia il campo per fare posto a Oliveira. La squadra di Mou non si intimorisce e al 24' arriva una palla illuminante con l'esterno di Pellegrini ma Zaniolo per questioni di pochi centimetri non aggancia la sfera nel cuore dell'area di rigore. Poco dopo sponda di Abraham invitante per Pellegrini che non arriva però sul pallone. Gli olandesi arretrano leggermente il baricentro e la Roma trova il vantaggio: al 32' Mancini pesca con un lancio lungo Zaniolo, che controlla bene di petto in area e anticipa Bijlow con la punta del piede sinistro per l'1-0 della Roma. Gli olandesi provano a reagire e al 41' ci prova dalla distanza Kökçü ma il tiro è troppo centrale e Rui Patricio blocca in due tempi.

Feyenoord subito in pressione ad inizio secondo tempo e Roma in difficoltà. Al 47' sugli sviluppi di un corner, Trauner sbuca dietro tutti e colpisce il palo. Qualche secondo più tardi, sul tiro a botta sicura di Til, Rui Patricio si supera e salva il risultato. Gli olandesi chiedono il rigore per un tocco di mano di Cristante ma l'arbitro dopo il controllo del Var fa proseguire. Al 50' altra occasione per il Feyenoord: conclusione potente dal limite di Malacia ma Rui Patricio si allunga e devia sul palo. La Roma cerca di alleggerire la pressione olandese e al 52' Abraham se ne va e viene trattenuto da Senesi per un braccio ma l'arbitro lascia incredibilmente correre con l'inglese che si dispera. Al 58' prova la conclusione Kökçü da posizione defilata ma viene schermata da Smalling in scivolata.

La Roma appare stanca e Mourinho cambia inserendo Veretout per Zaniolo e Spinazzola per Zalewski, con Pellegrini che va ad affiancarsi ad Abraham. Proprio il centrocampista francese da azione d'angolo si avventa su una palla vagante e conclude in porta ma Bijlow si oppone e nega il raddoppio ai giallorossi. All'85' Pellegrini si smarca e si divora la rete del raddoppio Bijlow abbassa la saracinesca e mantiene vive le speranze degli olandesi. Poi la Roma tiene agli ultimi attacchi degli olandesi e la festa può cominciare a Tirana e all'Olimpico di Roma.

Zaniolo: "Realizzo un sogno"
"E' bellissimo, oggi realizzo un sogno da bambino. E' una vittoria tutta per questi tifosi fantastici. Siamo una squadra forte, forse non sappiamo ancora noi quanto, ci godiamo questa vittoria per noi e per Roma". Lo ha detto a Sky l'attaccante azzurro Nicolò Zaniolo, autore del gol partita.

Pellegrini: "Ora festeggiamo e ripartiamo"

"Dopo queste belle vittorie è difficile ripartire. Una squadra vera vince, festeggia e riparte". Lo ha detto il capitano della Roma, Lorenzo Pellegrini, ai microfoni di Sky dopo la vittoria. Per lui, romano e romanista, "è qualcosa di diverso vincere con questa maglia e con questa fascia, mai mi sarei immaginato a 25 anni di togliermi questa soddisfazione. È un momento bello, bisogna festeggiare, fissiamolo in testa. I tifosi? A loro un immenso grazie, oggi abbiamo restituito un pezzettino di tutto quello che ci hanno dato".

Il tabellino

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio 7; Mancini 7, Smalling 7, Ibañez 7; Karsdorp 6.5 (43'st Viña sv), Mkhitaryan sv (17'pt Oliveira 6), Cristante 6.5, Zalewski 5.5 (21'st Spinazzola 6); Pellegrini 6.5, Zaniolo 7.5 (21'st Veretout 6); Abraham 5.5 (43'st Shomurodov sv). In panchina: Fuzato, Perez, Maitland-Niles, Kumbulla, Bove, Afena-Gyan, El Shaarawy. Allenatore: Mourinho 7

FEYENOORD (4-2-3-1): Bijlow 6; Geertruida 6, Trauner 4.5 (29'st Pedersen sv), Senesi 6, Malacia 6 (43'st Jahanbakhsh sv); Aursnes 6, Kökçü 5.5 (43'st Wålemark sv); Nelson 5.5 (29'st Linssen sv), Til 6 (14'st Toornstra 5.5), Sinisterra 5; Dessers 5.5. In panchina: Jansen, Hendrix, Sandler, Cojocaru, Marciano, Hendriks, Hall. Allenatore: Slot 5.5

ARBITRO: Kovacs (Romania) 5.5.

RETI: 32'pt Zaniolo.

NOTE: serata serena, campo in buone condizioni. Ammoniti: Trauner, Pellegrini, Zalewski, Rui Patricio, Spinazzola. Angoli 4-6. Recupero: 4' pt, 5' st.