Calcio

Milan-Atalanta, la guerra dei biglietti

Numerosi tagliandi destinati al settore ospiti comprati dai tifosi rossoneri in alcune ricevitorie di Bergamo, della provincia e di Crema. La Questura di Milano: faremo un filtraggio ai tornelli

Milan-Atalanta, la guerra dei biglietti
gettyimages
Stadio San Siro

Domenica San Siro si colorerà di rossonero per una partita che può decidere lo scudetto per il Milan, anche se per la festa i supporter del Diavolo dovranno comunque aspettare la fine della partita dell’Inter (due punti indietro in classifica) impegnata a Cagliari.

Lo stadio per la sfida all’Atalanta (che a sua volta deve fare punti per non rimanere fuori dall’Europa) è esaurito da tempo. Rimanevano da vendere solo i biglietti del settore ospiti, in teoria riservati ai nerazzurri orobici (4.000 posti, a 9 euro l’uno). Lunedì è iniziata la vendita dei tagliandi in alcune ricevitorie di Bergamo, della provincia e di Crema. Ma già martedì mattina i fan bergamaschi che hanno cercato di comprare il biglietto sono rimasti a bocca asciutta. Lunedì sera a chi era in coda veniva detto che c’erano ancora un migliaio di tagliandi in vendita ma martedì mattina alla riapertura delle ricevitorie la risposta era: biglietti esauriti (e la vendita non era online). 

Da quel momento, sui social, è iniziata sui social la protesta dei tifosi atalantini convinti che i biglietti a loro riservati siano stati comprati da supporter del Milan. È probabile che sia così perché parte dei bergamaschi che hanno affollato il Settore Ospiti a Venezia (1000 posti) e a La Spezia (1200 posti) questa volta non sono riusciti ad acquistare il tagliando. La domanda è: perché l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive non ha limitato l’acquisto ai soli residenti nelle province di Bergamo e Cremona? O, in alternativa, perché la vendita non è stata riservata ai tifosi in possesso della Dea Card (l’ex tessera del tifoso in salsa orobica)?

Qualche settimana fa in occasione di Milan-Fiorentina, una problematica simile aveva spinto a annullare tutti i biglietti del settore ospiti (anche a tifosi rossoneri) e a rimetterli in vendita solo a quelli viola.

Questa volta la Questura di Milano dice che il caso è diverso e che i biglietti non verranno annullati. Domenica verrà fatto un pre filtraggio all’ingresso del terzo anello per dividere i tifosi milanisti da quelli atalantini. Verrà in sostanza chiesta la fede calcistica a chi sta entrando nel settore ospiti e i supporter verranno divisi in base al loro tifo. Una classica soluzione all’italiana.