L'intervento si svolse in casa della vittima

Morta per trattamento estetico: arresti domiciliari per l'estetista che iniettò il silicone

La misura cautelare è scattata dopo i risultati dell'autopsia da cui è emerso che a stroncare la 35enne è stata un'embolia provocata dall'iniezione al silicone nel seno destro

Morta per trattamento estetico: arresti domiciliari per l'estetista che iniettò il silicone
ANSA
Samantha Migliore

Svolta nelle indagini sulla morte di Samanta Migliore, la 35enne di Maranello, nel Modenese, morta il 21 aprile scorso dopo un trattamento estetico al seno fatto in casa. Ai domiciliari è finita l'estetista Pamela Andress, 53 anni, che praticò l'intervento: la misura cautelare è scattata per il reato di morte come conseguenza di un altro reato, ed esercizio abusivo della professione sanitaria, ma la donna è anche sotto accusa per omissione di soccorso aggravata. 

L'arresto della 53enne, disposto dal gip di Modena ed eseguito dai carabinieri di Sassuolo, arriva dopo i risultati dell'autopsia da cui è emerso che a stroncare la mamma di Maranello è stata un'embolia provocata da un'iniezione al silicone nel seno destro

Nel sangue di Samanta Migliore sono stati ritrovati 300 cc di fluido semioleoso.

Agli atti di indagine è finita anche la testimonianza di una donna che, alcuni anni fa, si era rivolta alla stessa estetista per un trattamento estetico riportando "gravissime conseguenze". Elemento che ha portato il gip a disporre la misura cautelare chiesta dai Pm per la donna che si era costituita nel Ferrarese all'indomani della tragedia.