Nuovi antidoti più efficienti allo studio

Biontech e Pfizer sono prossime ai test per un vaccino universale anti-Covid

Il vaccino, ancora in fase sperimentale, è studiato per provvedere a una più duratura protezione contro le varianti del Covid, anche quelle future

Biontech e Pfizer sono prossime ai test per un vaccino universale anti-Covid
David Greedy/Getty Images
Le due aziende partner, produttrici del vaccino COVID-19 più utilizzato nel mondo occidentale, attualmente stanno sottoponendo alle autorità di regolamentazione una versione modificata del loro vaccino oggi in uso, per meglio proteggere contro Omicron e i suoi sottolineaggi.

La tedesca BioNTech, partner di Pfizer nei vaccini COVID-19, ha affermato che, nella seconda metà dell'anno, le due società inizieranno i test sugli esseri umani per un vaccino di nuova generazione che protegga da un'ampia varietà di coronavirus. 

Il vaccino, ancora in fase sperimentale, è studiato per andare oltre i vaccini attuali e prevede sia un potenziamento della protezione ottenibile attraverso i linfociti T, progettati principalmente per proteggere da malattie gravi se il virus diventa più pericoloso,  che una copertura vaccinale pan-coronavirus, ovverosia a prova di varianti attuali e e future.

Le due aziende partner, produttrici del vaccino COVID-19 più utilizzato nel mondo occidentale, attualmente stanno sottoponendo alle autorità di regolamentazione una versione modificata del loro vaccino oggi in uso, per meglio proteggere contro Omicron e i suoi sottolineaggi. 

Ma le continue mutazione del virus in nuove varianti che sfuggono più facilmente alla protezione indotta dal vaccino, hanno spinto alla ricerca da parte delle aziende, dei governi e dei vari enti sanitari di strumenti di protezione più affidabili, per non dover continuamente rincorrere le nuove varianti.