La mossa di Vilnius

La Lituania approva una legge che vieta l'importazione del gas dalla Russia

La norma consente l'uso del sistema di trasporto del gas solo da parte di Paesi che non rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. La legge autorizza comunque l'uso della sua infrastruttura per collegare l'exclave russo di Kaliningrad

La Lituania approva una legge che vieta l'importazione del gas dalla Russia
Ansa
Gasdotto russo

Misure drastiche a Vilnius nella crisi dell'energia. Il parlamento lituano ha approvato oggi una legge che vieta l'importazione di gas russo, un nuovo passo nella sua corsa per ridurre la sua dipendenza energetica da Mosca, nel contesto dell'invasione russa dell'Ucraina. 

La nuova legge consente l'uso del sistema di trasporto del gas naturale lituano e del terminale GNL solo da parte di Paesi che non rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. 

La legge autorizza comunque l'uso della sua infrastruttura da parte di fornitori russi che trasferiscono gas a Kaliningrad.

Dopo aver riconquistato la sua indipendenza dall'Unione Sovietica nel 1990, la Lituania era fortemente dipendente dal gas russo, fino a quando non ha affittato un terminale GNL nel 2014. A maggio, la Lituania ha inaugurato un nuovo gasdotto che collega i tre Stati baltici alla rete europea del gas, attraverso la vicina Polonia.