Guerra in Ucraina

Le forze ucraine ricevono l'ordine di ritirarsi da Severodonetsk: i Russi avanzano nel Donbass

Ma non è una vittoria decisiva per Mosca, secondo il centro di studi statunitense "Institute for the study of war"

Le forze ucraine ricevono l'ordine di ritirarsi da Severodonetsk: i Russi avanzano nel Donbass
(ApPhoto)
Un carro armato ucraino in prima linea a Severodonetsk, nella regione di Luhansk, Ucraina

“Le forze armate ucraine dovranno ritirarsi da Severodonetsk, hanno ricevuto l'ordine di farlo", lo ha detto sui social Sergiy Gaiday, governatore della regione di Lugansk. "Rimanere in posizioni che sono state incessantemente bombardate per mesi non ha senso". La città è stata "quasi ridotta in macerie" dai continui bombardamenti, ha aggiunto.

"La perdita di Severodonetsk è una perdita per l'Ucraina nel senso che qualsiasi il terreno catturato dalle forze russe è una perdita, ma la battaglia di Severodonetsk non sarà una vittoria russa decisiva". Lo sostiene in un report il centro di studi statunitense "Institute for the study of war" sottolineando che "le forze russe hanno ottenuto guadagni sostanziali nell'area di Severodonetsk-Lysychansk negli ultimi giorni e le truppe ucraine continuano a subire pesanti perdite, ma le forze ucraine hanno fondamentalmente raggiunto il loro obiettivo nella battaglia rallentando e degradando le forze russe". "Le truppe ucraine sono riuscite per settimane ad attirare quantità sostanziali di personale, armi ed equipaggiamento russi nell'area - prosegue il report - e hanno probabilmente degradato le capacità complessive delle forze russe impedendo alle forze russe di concentrarsi su assi di avanzamento più vantaggiosi. 

Le operazioni offensive russe probabilmente si bloccheranno nelle prossime settimane, indipendentemente dal fatto che le forze russe catturino o meno l'area di Severodonetsk-Lysychansk, probabilmente garantendo alle forze ucraine l'opportunità di lanciare prudenti controffensive. La fissazione ideologica del Cremlino sulla cattura di Severodonetsk, proprio come il precedente assedio di Azovstal, sarà probabilmente a scapito finale delle capacità russe nei futuri progressi in Ucraina".