Elmau in Baviera

Prima giornata del G7. Biden e Johnson: bandire l'oro russo

Al via i lavori del G7, breve colloquio tra Draghi e Biden. Il Summit inizia con un pranzo di lavoro dei leader

Prima giornata del G7. Biden e Johnson: bandire l'oro russo
Ap / Martin Meissner
G7, Elmau

Al vi ai lavori del G7 a Elmau. Prima dell'inizio del pranzo di lavoro, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha salutato il presidente americano Joe Biden, con il quale ha avuto un breve scambio di battute. Al centro di questo primo appuntamento uno scambio di vedute sulle prospettive dell'economia globale alla luce delle conseguenze prodotte dal conflitto in Ucraina.

Il vertice al Castello di Elmau
Si apre ufficialmente il vertice G7 al Castello di Elmau, un'occasione per discutere delle prospettive dell'economia globale alla luce delle conseguenze prodotte dal conflitto in Ucraina. Si parlerà di sostenibilità fiscale, di riforme e investimenti, di transizione verde e contrasto alle disuguaglianze, per un'economia più inclusiva, sostenibile e resiliente agli shock futuri. Centrali - secondo quanto riferiscono fonti italiane - saranno i temi legati all'inflazione, alle conseguenze  derivate dagli aumenti del costo dell'energia e dalla crisi alimentare. Si affronteranno, spiegano le stesse fonti, i temi della sicurezza delle forniture di energia e della resilienza delle catene di approvvigionamento. 

Il programma dei lavori

Embargo dell'Oro
I leader del G7 annunceranno di voler bandire l'importazione dell'oro russo. Lo scrive il presidente degli Usa Joe Biden su Twitter. Delle stesso avviso Boris Johnson che fa sapere che quattro Paesi del G7 hanno deciso di vietare le esportazioni di oro russo: l'intento è quello di impedire agli oligarchi di acquistare il metallo prezioso, un modo di aggirare l'impatto delle sanzioni. 

"È chiaro che si possa trovare uno strumento per un settore specifico e oggi e domani continueremo a parlarne, per poter arrivare a una decisione unanime". Lo ha detto Charles Michel, rispondendo a una domanda sull'embargo dell'oro russo annunciato da Biden. Michel ha però ribadito: "due giorni fa abbiamo deciso con 27 paesi in Ue che il nostro lavoro vada approfondito sulle sanzioni e che alcune cose vanno ancora chiarite, per evitare che diventiamo vittime collaterali delle sanzioni". "Le misure devono essere efficaci e bisogna tenere in considerazione quali effetti negativi si nascondano per noi".

Il price cap sul tavolo
L'Unione europea è pronta a discutere sui meccanismi tecnici del  "tetto" al prezzo del petrolio ma l'obiettivo deve essere quello di "colpire la Russia e non le nostre economie": ha detto il presidente del Consiglio europeo a margine del vertice, precisando che vanno quindi valutati "gli effetti collaterali" delle decisioni che vengono prese.

Biden, bilaterale con Scholz prima del summit 
Il presidente americano prima dell'inizio del vertice terrà una bilaterale con il cancelliere Olaf Scholz. Biden è stato in Germania i 21 gennaio scorso per la prima visita ufficiale al neocancelliere. Il G7 e la Nato devono rimanere uniti contro l'aggressione russa dell'Ucraina, nonostante quanto previsto e auspicato da Mosca. Lo ha affermato Biden dell'incontro. "Dobbiamo restare uniti - ha detto Biden, che ha ricordato la previsione di Vladimir Putin - che, in un modo o nell'altro, la Nato e il G7 si dividano. Ma non e' successo e non succedera'", ha aggiunto.

Von der Leyen: resteremo al fianco di Kiev tutto tempo necessario
"Resteremo al fianco dell'Ucraina per tutto il tempo necessario. L'impatto globale negativo della guerra russa sarà al centro dei nostri scambi al G7". Lo scrive su Twitter Ursula Von der Leyen presidente della Commssione europea.

Bilaterale Johnson-Macron

 Il premier britannico Boris Johnson e il presidente francese Emmanuel Macron vedono una possibilità di "invertire il corso" della guerra in Ucraina ,riferisce Downing Street dopo l'incontro bilaterale tra i due alG7 di Elmau. Il premier britannico BorisJ ohnson ha messo in guardia il presidente francese Emmanuel Macron da "ogni tentativo" di una soluzione negoziata "in questo momento" con la Russia per la pace in Ucraina, con il rischio di prolungare "l'instabilità mondiale".