Conferenza stampa del presidente Usa

Si chiude il summit di Madrid, Biden: "Vertice storico, la Nato cambia con il mondo"

Il capo della Casa Bianca: "Avevo avvertito Putin che l'alleanza sarebbe diventata più forte e più unita e questo è quello che è successo". E conferma altri aiuti e armi all'Ucraina per 800 milioni di dollari

Si chiude il summit di Madrid, Biden: "Vertice storico, la Nato cambia con il mondo"
(ApPhoto)

“Questo è stato un vertice storico”: usa toni trionfalistici, Joe Biden, nella conferenza stampa di chiusura del vertice Nato di Madrid, quello che ha sancito l’ingresso di Svezia e Finlandia nell’Alleanza atlantica. “Prima che la guerra iniziasse – ha continuato il presidente americano – avevo avvertito Putin che l'alleanza sarebbe diventata più forte e più unita e questo è quello che è successo”. Il capo della Casa Bianca ha poi precisato che “il mondo è cambiato e la Nato è cambiata di conseguenza”.

Rispondendo alle domande dei cronisti, il presidente degli Stati Uniti chiarisce che per la Nato “la Russia è una minaccia diretta e la Cina è una sfida sistemica”. Biden mette anche in guardia: “Difenderemo ogni centimetro del territorio alleato, le cose cambiano e noi ci dobbiamo adattare. Ho detto a Putin che se avesse attaccato avrebbe ottenuto più Nato e questo è esattamente ciò che è accaduto. Questo è un summit che serve per rafforzare l'Alleanza”.

Nel colloquio con i giornalisti, non è mancato un attimo di imbarazzo per una gaffe involontaria del presidente americano: riferendosi al prossimo nuovo membro dell’Alleanza, invece di dire “Svezia”, Biden nomina la “Svizzera”. “Sono così ansioso di allargare ulteriormente l'Alleanza che mi sono sbagliato…” ha poi recuperato il presidente Usa.

Sul fronte caldo della guerra ancora in corso, Joe Biden rassicura: “Invieremo nuove armi all'Ucraina nei prossimi giorni per un totale di 800 milioni”, precisando che “sosterremo Kiev per tutto il tempo che serve. I russi hanno perso 15 anni di sviluppo della loro economia, c'è stato il primo default in 100 anni, hanno difficoltà nella produzione del petrolio perché hanno bisogno di tecnologia americana e vi è una situazione simile nel settore militare”. Sugli esiti del conflitto, il comandante in capo Usa non ha dubbi: “Non so come finirà, ma non finirà con la sconfitta dell'Ucraina”.

Allargando poi il campo della discussione ad altre tematiche, in questo sollecitato dai cronisti, Biden dice poi che la recente decisione della Corte suprema sull’aborto verrà cambiata: “Il comportamento della Corte Suprema è stato oltraggioso, ma l'America non arretra, siamo in una posizione migliore di prima”. Sul caro energia, Biden comprende che gli americani siano “frustrati” dall'elevata inflazione ma, ha osservato che “l'inflazione è alta in tutti i Paesi e noi siamo meglio attrezzati per contrastarla”. Il presidente Usa ha anche promesso interventi per abbassare i prezzi del carburante “di un dollaro a gallone”.