I conti delle Amministrazioni pubbliche

Bankitalia: a maggio il debito pubblico è sceso di 3,3 miliardi

Le entrate tributarie sono state pari a 39 miliardi. Il debito si attesta a 2.755 miliardi mentre quello degli enti di previdenza è rimasto stabile

Bankitalia: a maggio il debito pubblico è sceso di 3,3 miliardi
Alessandro Bianchi/ ANSA
Banca d'Italia

Una piccola, buona notizia: lo scorso maggio il debito delle Amministrazioni pubbliche è diminuito di 3,3 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.755,6 miliardi. 

Lo rende noto la Banca d'Italia nella pubblicazione statistica “Finanza pubblica: fabbisogno e debito” assieme alla nota secondo cui la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro è stata di 19,7 miliardi, portandole così a 81,4. 

Questa ha più che compensato il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (11,1 miliardi),  l’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (5,3 miliardi).

In particolare, il debito delle Amministrazioni centrali è diminuito di 2,9 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,4 miliardi. 

Il debito degli Enti di previdenza è rimasto invece sostanzialmente stabile. 

Alla fine di maggio la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia era pari al 25,8 per cento (dal 25,6 per cento del mese precedente); la vita media residua del debito è rimasta stabile, invece, a 7,7 anni.

A maggio le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 39,0 miliardi, in aumento del 13,3% (4,6 miliardi) rispetto al corrispondente mese del 2021. 

Nei primi cinque mesi del 2022 le entrate tributarie erano state pari a 182,1 miliardi, in aumento del 12,2% (19,9 miliardi) rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente.