I numeri della pandemia

Covid, Fiaso: “Nuovo balzo di ricoveri, anche tra i bambini”

Il numero dei pazienti ricoverati è aumentato del 19% in una settimana, sia nei reparti ordinari che in terapia intensiva

Covid, Fiaso: “Nuovo balzo di ricoveri, anche tra i bambini”
Ansa
Tamponi covid-19

Nuovo balzo settimanale dei ricoveri Covid

Nella rilevazione del 5 luglio degli ospedali sentinella aderenti alla rete Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, il numero dei pazienti ricoverati nei reparti Covid cresce complessivamente del 19%. L'analisi dei dati conferma, in linea con il trend evidenziato la scorsa settimana, la risalita in misura maggiore delle ospedalizzazioni “per Covid”, ovvero di ricoveri con sindromi respiratorie tipiche della malattia da Covid19. Aumentano anche, ma a ritmo inferiore, i ricoverati “con Covid” cioè quei pazienti giunti in ospedale per curare altre patologie e trovati positivi al tampone pre-ricovero: in una settimana sono cresciuti del 13,7%. 

"Questa settimana registriamo per la prima volta dopo mesi una inversione di tendenza: i pazienti per Covid (52%) tornano a essere più numerosi di quelli con Covid (48%). Le percentuali evidenziano come tornino a crescere in maniera significativa i pazienti che hanno una patologia specifica da Covid con sindromi respiratorie- spiega il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore.

“La diffusa circolazione del virus ci obbliga, nuovamente, a riorganizzare i nostri ospedali per adeguarci all'andamento dell'epidemia, riaprendo i reparti dedicati all'assistenza respiratoria e ventilatoria, ma continuando allo stesso tempo a ricoverare coloro che non presentano una sintomatologia specifica in aree multidisciplinari o all'interno dei reparti specialistici laddove è possibile creare percorsi che consentano un isolamento sicuro". 

Ospedali pediatrici

L'aumento delle ospedalizzazioni, riferisce Fiaso, è ancora più significativo tra i più piccoli. Nei quattro ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria degli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso si assiste a un incremento dell'84% dei pazienti. Non ci sono casi gravi, uno solo il paziente sotto i 18 anni in terapia intensiva. 

A finire in ospedale sono soprattutto i bambini da 0 e 4 anni che rappresentano complessivamente il 78% dei ricoverati. "La grande contagiosità di questa variante colpisce anche i bambini che non sono esenti dallo sviluppare la malattia da Covid. Occorre riservare maggiore attenzione ai neonati e ai più piccoli", aggiunge Migliore. Questi dati confermano che l'incremento della circolazione del virus coinvolge l'età evolutiva con modalità e caratteristiche sovrapponibili a quelle della popolazione generale. 

 

Guarda lo speciale: “Covid, i 30 mesi che hanno tolto il fiato al mondo”