Lotta alla pandemia

Covid, Iss: in Italia Rt in calo, ricoveri stabili e una sola regione a rischio alto

Sono alcuni dei dati che emergono dal monitoraggio della cabina di regia Iss-Ministero della Salute

Covid, Iss: in Italia Rt in calo, ricoveri stabili e una sola regione a rischio alto
ansa/angelo carconi
Il reparto di terapia intensiva Covid presso l'Ospedale Umberto I

Nel periodo 6-19 luglio 2022, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,03 (range 1,02-1,04), in diminuzione rispetto alla settimana precedente, ma sopra la soglia epidemica. L'indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è anch'esso in diminuzione e sotto la soglia epidemica: Rt=0,95 (0,94-0,97) al 19 luglio vs Rt=1 (0,98-1,02) al 12 luglio. Sono alcuni dei dati principali che emergono dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19. 

Il documento evidenzia poi anche una discesa dell'incidenza settimanale a livello nazionale: 727 ogni 100.000 abitanti contro i 977 ogni 100.000 abitanti del monitoraggio precedente.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 4,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 28 luglio) mentre quello di occupazione in area medica a livello nazionale scende leggermente al 17,0%

Dai dati del monitoraggio settimanale inoltre emerge che "Due Regioni sono classificate a rischio moderato (di queste una ad alta probabilità di progressione), una Regione è classificata a rischio alto per non aver raggiunto la soglia minima di qualità dei dati trasmessi all'ISS, mentre le restanti Regioni e Province autonome sono classificate a rischio basso". 

Per quanto riguarda il tracciamento dei casi la percentuale di quelli rilevati è in lieve aumento rispetto alla settimana precedente (12% rispetto a 11%). In aumento anche la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (43% contro i 40,5%), mentre risulta in lieve diminuzione la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (46% invece di 48%).