Mercati

Inflazione record negli Stati Uniti, borse in rosso

Milano chiude a -0,93%, supera il punto percentuale di ribasso solo Francoforte. Calo contenuto anche per i listini americani

Inflazione record negli Stati Uniti, borse in rosso
Pixabay
La situazione dei mercati

Il dato che tutti aspettavano è arrivato, ed è ben peggiore del previsto: l'inflazione a giugno negli Stati Uniti sale al 9,1%, superiore alle attese degli analisti e in netto aumento rispetto all'8,6% di maggio. I mercati la prendono male, ma non troppo. Le Borse europee contengono le perdite - Milano chiude a -0,93%, supera il punto percentuale di ribasso solo Francoforte. Calo contenuto anche per i listini americani, sostenuti da un altro dato economico pubblicato nel pomeriggio, quello sulle scorte di petrolio negli Usa. Che questa settimana, a sorpresa, aumentano di quasi 3 milioni di barili, nonostante le tensioni sull'offerta, mentre ci si aspettava un calo di quasi 1 milione.

Giornata in altalena, invece, per il cambio euro dollaro. Il biglietto verde prima tocca e supera la parità con l'euro - non succedeva da dicembre del 2002 - poi arretra con la moneta unica che risale a quota 1,008. Mentre continua il momento nero per le criptovalute, con il bitcoin che si avvicina alla soglia dei 19.500 dollari, ben lontano dai 68 mila toccati a novembre dello scorso anno.