La pronuncia

Jobs Act, la Consulta chiede di aumentare le tutele contro i licenziamenti illegittimi

La Corte costituzionale, in una sentenza che dichiara inammissibili i rilievi del Tribunale di Roma sull'indennità prevista dal "Jobs Act" sui licenziamenti illegittimi nelle piccole imprese, sollecita una riforma della materia

Jobs Act, la Consulta chiede di aumentare le tutele contro i licenziamenti illegittimi
(Pixabay)

È “indifferibile” la riforma della disciplina dei licenziamenti, “materia di importanza essenziale per la sua connessione con i diritti della persona del lavoratore e per le sue ripercussioni sul sistema economico complessivo”, scrive la Corte costituzionale nella sentenza depositata oggi - scritta dalla vicepresidente Silvana Sciarra - con la quale, pur dichiarando inammissibili le censure del tribunale di Roma sull'indennità prevista dal cosiddetto Jobs Act per i licenziamenti illegittimi nelle piccole imprese, viene rivolto al legislatore un monito ad intervenire con urgenza in questa materia, predisponendo tutele adeguate.

La Corte ha rilevato che “un'indennità costretta entro l'esiguo divario tra un minimo di tre e un massimo di sei mensilità vanifica l'esigenza di adeguarne l'importo alla specificità di ogni singola vicenda” e non rappresenta, dunque, un rimedio “congruo e coerente” con i requisiti di “adeguatezza e dissuasività” già affermati dalla Consulta con due sentenze del 2018 e del 2020. 

“Il limitato scarto tra il minimo e il massimo determinati dalla legge conferisce un rilievo preponderante, se non esclusivo, al numero dei dipendenti”, osservano i giudici costituzionali, secondo i quali tale criterio, “in un quadro dominato dall'incessante evoluzione della tecnologia e dalla trasformazione dei processi produttivi”, non è indicativo della effettiva forza economica del datore di lavoro e non offre neppure elementi significativi per determinare l'ammontare dell'indennità, secondo le peculiarità di ogni singola vicenda. Tuttavia, spiega Palazzo della Consulta, spetta alla “valutazione discrezionale” del legislatore la scelta delle soluzioni più appropriate per garantire tutele adeguate: di qui l'urgenza di una riforma, sollecitata dalla Corte.

Lo stesso tribunale di Roma prefigurava molteplici soluzioni per porre rimedio ai profili di contrasto con la Costituzione, dalla ridefinizione di un criterio distintivo, incentrato sul numero degli occupati, all'eliminazione del regime speciale e alla ridefinizione delle soglie: a ciascuna delle scelte ipotizzabili corrispondono “differenti opzioni di politica legislativa”, frutto di “valutazioni discrezionali”, scrive la Corte, la quale, nel dichiarare l'inammissibilità delle questioni, segnala: “Il protrarsi dell'inerzia legislativa non sarebbe tollerabile”. Qualora la questione fosse riproposta, dunque, essa stessa provvederà direttamente a intervenire sulla disciplina censurata.