L' Europa che brucia: in Francia è andato a fuoco un territorio di 100 chilometri quadrati

Anche Marocco, Spagna e Grecia vanno a fuoco: le ondate di calore e la siccità favoriscono la diffusione e l’estensione degli incendi

L' Europa che brucia: in Francia è andato a fuoco un territorio di 100 chilometri quadrati
@gettyimages
Incendio Landiras Francia16 luglio 2022

Nuovi incendi in Spagna e in Grecia e continuano a bruciare i boschi di Francia e Marocco: fiamme ancora favorite dalle alte temperature dovute all’ondata di calore che sta interessando l’Europa.

Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha detto che nella zona a sud di Bordeaux, nel sud-ovest del Paese, sono state evacuate 14mila persone perché è bruciato un territorio di 100 chilometri quadrati compresa una porzione dei boschi nei pressi della dune du Pilat, l'enorme duna di sabbia sul mare di grande attrazione per i turisti. 

Secondo le previsioni, in Francia le temperature massime dell’ondata di calore saranno raggiunte lunedì: in molte località si supereranno i 40 °C ed è stata diffusa un’allerta “arancione”, per 38 dei 96 dipartimenti in cui è diviso il Paese.

In Spagna, secondo il centro di ricerca pubblico “Instituto de Salud Carlos III” l’ondata di calore ha causato la morte di almeno 360 persone. Diversi incendi sono divampati dalla Galizia all’Estremadura, ovvero dal nord al sud del Paese, e più di tremila persone sono state evacuate per un grande incendio boschivo vicino a Mijas, nella provincia di Malaga, in Andalusia. 

In Portogallo, molti degli incendi che si erano sviluppati a nord-est di Porto sono stati sedati, anche grazie all’abbassamento delle temperature, e sabato scorso un canadair è precipitato a Foz Coa, al confine con la Spagna, morto il pilota. Nel Paese sono bruciati quasi 40 chilometri quadrati di boschi da inizio anno a metà giugno, più del triplo di quelli bruciati nello stesso periodo dello scorso anno. Secondo il ministero della Salute portoghese, almeno 238 persone sono morte a causa dell’ondata di calore, soprattutto anziani: tra il 7 e il 13 luglio in alcune zone si sono raggiunti i 47 °C.

Anche la Grecia travolta dalle fiamme: la zona di Feriza, a circa 50 chilometri a sud-est di Atene, e la costa settentrionale di Creta bruciano, mentre il Marocco sono stati evacuati numerosi villaggi nelle regioni di Larache, Ouazzane, Taza e Tétouan.