Argentario: indagato il conducente del motoscafo. Continuano le ricerche della donna scomparsa

Gli investigatori sono al lavoro per ricostruire l'esatta dinamica di quanto avvenuto, gli inquirenti hanno interrogato in queste ore tutte e quattro le persone che si trovavano a bordo del motoscafo

Argentario: indagato il conducente del motoscafo. Continuano le ricerche della donna scomparsa
ANSA
Scontro tra barche all'Argentario, si cerca la donna dispersa

Ci sarebbe un primo indagato nelle indagini per la collisione fra un motoscafo e una barca a vela avvenuta sabato pomeriggio nel tratto di mare fra l'Argentario e l'Isola del Giglio nel quale è morto un uomo e una donna risulta ancora dispersa. 

L'uomo che era alla guida del motoscafo si chiama Per Horup e viaggiava con la compagna, il figlio e la fidanzata del figlio sull’imbarcazione che è stata descritta come “ingovernata”. Al via la consulenza della Procura che dovrà stabilire velocità e traiettoria del motoscafo. La gita nelle acque dell’Argentario era parte di una escursione più ampia nelle acque della Toscana, visto che fra le mete toccate c’era anche l’Isola d’Elba, quasi immancabile negli itinerari di viaggio dei nord europei. 

Gli investigatori della capitaneria di porto, coordinati dal pm di turno Valeria Lazzarini, hanno sottoposto tutti all’alcool test e al drug test i cui esiti si avranno nelle prossime ore. Intanto, dall’indagine blindata, affiora qualche dettaglio: i danesi avrebbero spiegato che viaggiavano con il sole accecante negli occhi e che dunque sarebbero incappati nella barca a vela solo all’ultimo istante. Non è ancora chiaro se fosse stato inserito il pilota automatico. Solo una consulenza sull’imbarcazione killer potrà confermarlo e nei prossimi giorni sarà disposta dai magistrati.

Sono proseguite tutta la notte ma senza esito le ricerche della 60enne scomparsa in mare, Anna Claudia Cartoni. La donna è stata risucchiata dall'acqua dopo l'impatto. Le ricerche, gestite dall'Ufficio circondariale marittimo di Porto Santo Stefano sotto il coordinamento della centrale operativa della Direzione marittima di Livorno hanno visto alternarsi anche oggi i mezzi navali della guardia costiera con mezzi provenienti anche dall'isola d'Elba e con la partecipazione di mezzi aereonavali della guardia di finanza e mezzi e uomini dei vigili del fuoco e dei carabinieri.