E' accusato di aver ucciso un agente della Drug Enforcement Administration

Messico: Usa chiedono l'estradizione del "Re" della droga Quintero

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, Ken Salazar, ha chiarito che nessun elemento del governo di Joe Biden è stato coinvolto nell'arresto del boss

Messico: Usa chiedono l'estradizione del "Re" della droga Quintero
Ansa
Rafael Caro Quintero

L'arresto in Messico del boss Rafael Caro Quintero, dopo quasi un decennio di latitanza, ha scosso il Paese e provocato pressioni per la richiesta di estradizione immediata da parte del governo degli Stati Uniti. 

"Ne chiederemo l'immediata estradizione in modo che possa essere processato per i suoi crimini nello stesso sistema giudiziario che l'agente speciale Camarena è morto difendendo", ha detto il procuratore generale Usa Merrick Garland.

Quintero, 're' della droga e fondatore del cartello di Guadalajara, è accusato negli Stati Uniti in relazione al rapimento, alla tortura e all'omicidio di Enrique "Kiki" Camarena, agente speciale della United States Drug Enforcement Agency (DEA, in inglese) nel 1985. 

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, Ken Salazar, ha chiarito che nessun elemento del governo di Joe Biden è stato coinvolto nell'arresto di Quintero mentre il governo messicano ha rivendicato la capacità di "catturare qualsiasi criminale".