L'Unione Europea si riunisce il 26 luglio per il piano di emergenza

Il taglio totale del gas dalla Russia lo scenario più probabile, dice il ministro francese Le Maire

L'inverno potrebbe essere ancora più duro se Mosca decidesse di interrompere i flussi anche in considerazione delle opzioni per importare gas da altri Paesi

Il taglio totale del gas dalla Russia lo scenario più probabile, dice il ministro francese Le Maire
Odd Andersen / AFP
Gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ritiene "il taglio totale delle forniture di gas dalla Russia", "lo scenario più probabile oggi". Come riporta la Bloomberg il ministro, al forum di Aix en Provence, ha affermato che in Europa "occorre prepararsi".

La Francia, ha evidenziato il Ministro, deve fare attenzione al consumo di energia, deve ridurre la burocrazia che blocca lo sviluppo delle energie rinnovabili, deve accelerare il programma di costruzione di nuovi reattori nucleari.

L’Unione Europea discuterà un piano per le emergenze per il prossimo inverno il prossimo 26 luglio nel tentativo di assicurare una sufficiente riserva di gas   per superare i picchi di domanda di riscaldamento ed elettricità.

L'inverno potrebbe essere ancora più duro se Mosca decide di interrompere i flussi, in considerazione delle opzioni per importare gas da altrove.

Sempre Bloomberg ha pubblicato un’inchiesta sulla situazione del gas in Germania evidenziando come il perdurare dello stop della fornitura attraverso Nord Stream 2 (tecnicamente per manutenzione e per 10 giorni) il governo di Olaf Scholz potrebbe arrivare a misure come il razionamento e a portare, come conseguenza a cascata, ad una profonda recessione per la più grande economia europea e creare effetti a catena in tutto il continente.

Mentre Mosca nega di usare l'energia come arma, il calcolo per Putin è tanto semplice quanto cinico. L' Europa desidera disperatamente riempire i depositi per mantenere le case riscaldate e le fabbriche in funzione durante l'inverno. Quindi prima Mosca agirà per sconvolgere ulteriormente i mercati del gas, maggiori saranno i prezzi e più tempo avrà la Russia per raccogliere i frutti.

"La Russia ha così tante carte da poter giocare", Olga Khakova, vicedirettrice del Global Energy Center del Consiglio atlantico. "Stanno cercando di massimizzare gli strumenti che hanno a disposizione."

Mentre il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia sarebbe in grado di aumentare i flussi del gasdotto, vrso la Germania, se i componenti in manutenzione fossero riparati e restituiti, Robert Habeck, Ministro tedesco dell’Economia,  non si aspetta un cambiamento di fatto. 

È un segno che Berlino è consapevole di avere poche opzioni rimaste.

"È stato un grave errore che la Germania fosse così dipendente da un paese con la fornitura di energia, e questo paese è la Russia", ha detto Habeck in un'intervista. "Ci sono voluti decenni per costruire la dipendenza dal gas russo e stiamo cercando di cambiarlo in pochi mesi".