Le spese dei consumatori sono aumentate dell'1%

Stati Uniti: il Pil ancora in calo nel secondo trimestre: -0,9%

Dati del dipartimento del Commercio, dopo il -1,6% della lettura finale del I trimestre. Biden: emergeremo più forti

Stati Uniti: il Pil ancora in calo nel secondo trimestre: -0,9%
pixabay
centro commerciale

Il Prodotto interno lordo statunitense è diminuito nel secondo trimestre del 2022 al tasso annualizzato dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti, contro stime per un dato in rialzo dello 0,3%. E' quanto emerge dalla prima lettura diffusa dal dipartimento del Commercio, dopo il -1,6% della lettura finale del I trimestre e il 6,9% registrato nel quarto trimestre del 2021. Le spese dei consumatori, che rappresentano il 69% dell'economia statunitense, sono aumentate dell'1%, dopo il +1,8% del I trimestre.

Il dato Pce sull'inflazione è aumentato nel II trimestre del 2022 del 7,1%, in base alla prima lettura del Pil statunitense, come nel I trimestre. Le attese erano per un 6,7%. Il dato “core”, quello depurato dai prezzi energetici e dei prodotti alimentari, è aumentato del 4,4%, contro attese per un 5,5%, dopo il 5,2% del trimestre precedente. Il Pil del primo trimestre rivisto è stato confermato al -1,6%.

"Anche se ci troviamo ad affrontare sfide globali storiche, siamo sulla strada giusta ed emergeremo da questa transizione più forti. Il nostro mercato del lavoro resta solido, e le spese dei consumatori continuano a crescere". Lo afferma Joe Biden in una nota commentando la contrazione del pil americano.

 Un nuovo fronte  per l'amministrazione Biden e i democratici in vista delle elezioni di metà mandato di novembre.