Diritti civili, il passo indietro degli Stati Uniti

Texas, torna in vigore la legge contro l'aborto del 1925: chi lo pratica punito anche con carcere

Lo ha annunciato il controverso procuratore generale Ken Paxton. La legge non era più stata applicata dopo la sentenza 'Roe v Wade' che di fatto nel 1973 aveva legalizzato l'aborto

Texas, torna in vigore la legge contro l'aborto del 1925: chi lo pratica punito anche con carcere
AP Photo
Texas, Ken Paxton

In seguito alla sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha abolito la sentenza “Roe vs Wade”, la corte suprema del Texas ha autorizzato l'entrata in vigore di una legge del 1925 che vieta l'aborto e punisce chi lo pratica anche con il carcere, ribaltando la sentenza di una corte inferiore che l'aveva bloccata temporaneamente. Lo ha annunciato il controverso procuratore generale Ken Paxton. La legge non era più stata applicata dopo la sentenza 'Roe v Wade' che di fatto nel 1973 aveva legalizzato l'aborto. 

"Una vittoria pro vita!", ha esultato Paxton su Twitter. "I nostri provvedimenti statali pre-Roe che vietano l'aborto in Texas sono buone leggi al 100%. La controversia legale va avanti  ma io continuerò a vincere per i bambini non nati del Texas", ha aggiunto.