L'emergenza

Vaiolo delle scimmie, Ema: serve una risposta forte ed efficace

Si tratta della prima nuova emergenza dichiarata da quando è entrato in vigore il regolamento che rafforza il ruolo dell'Agenzia europea del farmaco nella preparazione e gestione delle crisi di medicinali e dispositivi medici

Vaiolo delle scimmie, Ema: serve una risposta forte ed efficace
Pixabay
Virus Vaiolo delle scimmie

"Il focolaio di vaiolo delle scimmie richiede una risposta forte ed efficace. La dichiarazione di emergenza sanitaria ci consente di utilizzare i nuovi strumenti del nostro mandato esteso e di rafforzare il coordinamento". Lo ha dichiarato l'Agenzia europea dei medicinali (Ema) dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha elevato il fenomeno a Emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (Pheic). Si tratta della prima nuova emergenza dichiarata da quando è entrato in vigore il regolamento che rafforza il ruolo dell'Ema nella preparazione e gestione delle crisi di medicinali e dispositivi medici.

"I nuovi poteri conferiti all'Agenzia nell'ambito dell'estensione del suo mandato danno il via a ulteriori attività ora che il vaiolo delle scimmie è stato dichiarato un'emergenza di salute pubblica", ha evidenziato l'Agenzia. Tra questi, il gruppo direttivo esecutivo dell'Ema sulle carenze e la sicurezza dei medicinali (Mssg), istituito dal nuovo regolamento, produrrà e manterrà un elenco formale di farmaci critici per l'emergenza sanitaria del vaiolo delle scimmie. "I titolari delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei farmaci inclusi nell'elenco saranno tenuti ad aggiornare regolarmente l'Ema" sulle scorte e sulle previsioni dell'offerta e della domanda e "gli Stati membri forniranno relazioni periodiche sulla domanda stimata di questi farmaci a livello nazionale", ha spiegato Ema. 

L'Agenzia, inoltre, ricorda che attualmente esistono due medicinali autorizzati per il vaiolo delle scimmie nell'Ue: il farmaco Tecovirimat Siga e il vaccino Imvanex.