Milano

Bimbo investito in bici il 9 agosto, arrestato ventenne: senza patente e sotto l'effetto di droga

Nour Amdouni non si è fermato a prestare soccorsi. Fuggendo, si è dimostrato "totalmente privo di umanità e pietà in occasione del sinistro". Così scrive il gip Fiammetta Modica nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere

Bimbo investito in bici il 9 agosto, arrestato ventenne: senza patente e sotto l'effetto di droga
LaPresse
Milano, undicenne in bicicletta investito e ucciso in viale Bartolini

È stato arrestato dalla polizia locale di Milano, Nour Amdouni, il ventenne che lo scorso 9 agosto ha investito e ucciso Mahanad Moubarak, un bambino di 12 anni non ancora compiuti, che stava passando in bici in via Bartolini. Sul momento si era allontanato senza nemmeno frenare, salvo costituirsi alcune ore dopo. 

Amdouni, spiega la Procura, guidava senza patente, che non aveva mai preso, ed era sotto l'effetto di droga (Thc) e aveva “la gamba sinistra ingessata”. È accusato di omicidio stradale con l'aggravante della fuga.

Nour Amdouni fuggendo, si è dimostrato "totalmente privo di umanità e pietà in occasione del sinistro". Così scrive il gip Fiammetta Modica nell'ordinanza di custodia cautelare che lo ha portato in carcere dopo alcuni giorni in cui era stato indagato a piede libero. Il giovane, drogato e senza patente, si era costituito alcune ore dopo l'incidente, ma ulteriori accertamenti degli agenti della Polizia locale hanno evidenziato la sua pericolosità. Da qui il carcere.

"Oggi vorrei ancora ricordare Mohanad, il ragazzo di 11 anni ucciso mentre andava in bici in via Bartolini. Si, oggi, mentre la sua famiglia e la sua comunità lo salutano al funerale. Dobbiamo essere vicini alla sua famiglia vittima di questa brutta storia". Così l'assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Marco Granelli, ha ricordato il bambino ucciso da un'auto.

"Sia questa tragedia di monito a chi si mette alla guida di un veicolo, qualsiasi esso sia. La strada può essere pericolosa. Dobbiamo lavorare sempre di più per la sicurezza stradale, per controllare chi guida in strada e per prevenire - ha aggiunto Granelli -. Intanto dobbiamo far sapere che chi si comporta così viene individuato e abbiamo un sistema che riesce a individuare e provare. Ma dobbiamo ancora fare molto in controlli e prevenzione. Questo il mio impegno, il nostro impegno".