L'incidente avvenuto a Porcia (Pordenone)

Era ubriaca la soldatessa Usa che ha travolto e ucciso un ragazzo

Si aggrava la posizione della ventenne in servizio a Base Usaf

Era ubriaca la soldatessa Usa che ha travolto e ucciso un ragazzo
(Ansa)
La rotatoria tra via Lazio e via Roveredo, a Porcia (Pordenone), dove è stato investito e ucciso un 15enne

La soldatessa americana di 20 anni, che ha investito e ucciso un ragazzo di 15 anni, nella notte tra sabato e domenica, a Porcia (Pordenone), era ubriaca. 

L'alcoltest ha dato esito positivo: il tasso alcolemico nel sangue era pari a 2,09 grammi per litro, 4 volte il limite consentito. Lo apprende l'ANSA da fonti investigative.  

Il quadro accusatorio nei confronti della giovane non cambia radicalmente ma si aggrava la sua posizione.

La Procura: il ministro decide la giurisdizione

"Al momento dell'esercizio dell'azione penale, il Ministro della Giustizia italiano può, a discrezione o su richiesta della base americana, attivare il difetto di giurisdizione e consentire così all'indagato statunitense di essere processato nel proprio Paese". Lo ha spiegato il Procuratore di Pordenone, Raffaele Tito, rispondendo a una domanda sulle modalità di giurisdizione nell'ambito dell'inchiesta sulla ventenne soldatessa americana che ha investito e ucciso, alla guida ubriaca, un ragazzo di 15 anni, a Porcia.
"Questa opzione, in capo al Ministro - ha aggiunto il Procuratore - è operativa in base ai trattati internazionali sulla giurisdizione dei militari Nato in Europa".