La decisione della Warner Bros ha spiazzato il cast e i fan

Leslie Grace si mostra col mantello del film cancellato: "Batgirl per la vita!"

Il messaggio dell'attrice che ha indossato i panni dell'eroina di Gotham City nella pellicola che non vedremo mai nelle sale

Leslie Grace si mostra col mantello del film cancellato: "Batgirl per la vita!"
Instagram/lesliegrace
Leslie Grace nei panni di Batgirl

“Batgirl per la vita” è il grido di Leslie Grace che affida ai social tutto il dispiacere e il rammarico per la cancellazione del film che la vedeva proprio nei panni dell'eroina di Gotham City. 

"Dopo le recenti notizie sul nostro film, posso dire di essere orgogliosa dell'amore, del duro lavoro e dell'intenzione che tutto il nostro incredibile cast e l'instancabile troupe hanno messo in questo lavoro per 7 mesi in Scozia. Mi sento fortunata ad aver lavorato con grandi professionisti e ad aver stretto rapporti che dureranno per tutta la vita! A tutti i fan di 'Batgirl': GRAZIE per l'amore e la fiducia che mi hanno permesso di indossare il mantello e diventare un'eroina! #Batgirl per la vita!", ha scritto l'attrice, che ha postato foto e video che ritraggono momenti sul set, come cantare insieme ai suoi compagni di cast 'Promiscuous Girl' di Nelly Furtado e 'I Will Always Love You' di Whitney Houston con indosso la tuta da eroina.   

Sorpresa e sgomento anche da parte dei registi Adil El Arbi e Bilall Fallah, che si sono detti "scioccati" e "rattristati" dalla brusca eliminazione del cinecomic da parte della Warner Bros. 

"Non riusciamo ancora a crederci. E' fondamentale - ha dichiarato la coppia di registi - che il nostro lavoro venga mostrato al pubblico e, sebbene il film fosse tutt'altro che finito, avremmo voluto che i fan di tutto il mondo avessero avuto l'opportunità di vedere e abbracciare personalmente il film. Forse un giorno ci riusciranno".

“Tutto il cast - scrivono ancora su Instagram - ha fatto un lavoro enorme ed è stato meraviglioso lavorare con attori del calibro di Michael Keaton, Bernard Fraser, JK Simmons, Jacob Scipio, Corey Johnson, Rebecca Front e, sopratutto, la grande Leslie Grace che ha impersonato Batgirl con passione, dedizione e umanità”. “Da fan di Batman sin da quando eravamo bambini possiamo dire che è stato un onore far parte di tutto questo anche se per poco”, concludono rilanciando l'hashtag che sta facendo il giro dei social #Batgirlforlife".

Warner Bros, lo studio che controlla l'editore DC Comics, ha deciso di non mandare nelle sale, né in streaming il film dedicato all'eroina di Gotham City, nonostante fosse quasi terminato e nonostante fosse costato oltre 90 milioni di dollari. La scelta, che ha sollevato la protesta sui social, è forse dovuta a un cambio di strategia dopo la sua fusione con il gruppo Discovery. 

La notizia ha sorpreso l'industria cinematografica americana, visto anche il cast del film, diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah, e che oltre a Leslie Grace, attrice di origine dominicana famosa per il musical "In The Heights", prevedeva JK Simmons, nei panni di Jim Gordon e Michael Keaton al suo ritorno nel suo ruolo di Batman, dopo i film di Tim Burton.

'Batgirl' doveva essere originariamente una versione esclusiva per HBO Max. Secondo fonti alla rivista Variety, la decisione non è stata presa a causa della qualità del film e ha a che fare con la nuova strategia adottata dopo la fusione dei gruppi Discovery e WarnerMedia, che dà priorità alle uscite nelle sale. Pare comunque che il film non fosse andato bene nelle proiezioni sperimentali iniziali. 

Lo studio ha un altro film sul filo del rasoio: 'The Flash' non ha ancora in calendario la sua prima, prevista per il 2023, a causa degli scandali del suo protagonista, Ezra Miller. La star di Justice League e Animali fantastici è stato arrestato due volte nel giro di poco tempo alle Hawaii, accusato di turbamento della quiete pubblica e aggressione; e da ultimo è stato chiamato in causa dai genitori di una ragazza Sioux 18enne, che lui avrebbe "abusato fisicamente ed emotivamente".

La Warner, all’epoca del processo contro il The Sun, licenziò Johnny Depp da Animali Fantastici per evitare che la vita privata dell’attore potesse rovinare l’immagine del franchise, ma allora le riprese non erano ancora iniziate.

A fugare i timori dei fan è però arrivato un messaggio dalla produttrice: “Flash arriverà”.