Le conclusioni del Consiglio straordinario dell'Energia

Europa divisa sul price cap del gas: 15 paesi favorevoli su 27

La Commissione lavorerà alla definizione di misure straordinarie contro il caro prezzi entro fine settembre

Europa divisa sul price cap del gas: 15 paesi favorevoli su 27
Getty
Sede della Commissione Europea

"Tutti i paesi membri si sono pronunciati, con lievi distinguo, in favore delle proposte della Commissione, e quindi è stato dato un mandato pieno per andare avanti". Lo ha detto oggi a Bruxelles il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, parlando con la stampa al termine della riunione del Consiglio Ue straordinario dei ministri dell'Energia. Il Consiglio ha discusso le cinque misure proposte ancora informalmente dalla Commissione contro i forti aumenti dei prezzi del gas e dell'elettricità, causati soprattutto dalle manipolazioni del mercato da parte della Russia. Il ministro ha riferito che questo consenso di massima dei ministri c'è stato soprattutto su quattro delle cinque proposte, ovvero "tutta la parte che riguarda il recupero delle rendite intra marginali" oltre una soglia massima che verrà decisa (per quanto riguarda le fonti rinnovabili e il nucleare), "i contributi di solidarietà che noi abbiamo chiamata tassa sull'extra profitto" per gli operatori delle fonti fossili, "il risparmio intelligente di energia, e infine la liquidità per aiutare gli operatori del settore". La quinta proposta era quella del "price cap", il tetto al prezzo del gas russo. "Noi - ha riferito Cingolani - abbiamo rilanciato molto la soluzione 'price cap', e il risultato è stato credo positivo. Io ho seguito con calma i discorsi dei ministri: 15 paesi si sono pronunciati chiaramente per un 'price  cap' generalizzato, per qualunque importazione di gas e non solo per quello dalla Russia". "Ce ne sono stati tre - ha continuato il ministro - che preferirebbero il price cap solo sul gas russo, e altri tre paesi che non hanno pregiudiziali sul price cap, però lo vorrebbero dopo aver fatto delle verifiche, per esempio di sostenibilità economica di lungo termine" o a condizione "che comunque non si metta in difficoltà qualche paese più debole, e questa è un'apertura ragionevole"."Poi ci sono - ha aggiunto - cinque paesi che sono contrari, o che sono rimasti neutrali, nel senso che, non avendo un grande bisogno di gas, per esempio perché hanno il Gnl o perché sono isolati, non hanno espresso una posizione". "Tutti, poi, hanno detto che non c'è tempo da perdere, perché effettivamente i costi che ha raggiunto l'energia sono troppo alti. Insomma - ha sottolineato Cingolani -, c'è una maggioranza molto forte, e abbiamo fatto presente alla presidenza (di turno del Consiglio Ue, ndr) che questo è uno scenario molto chiaro, e abbiamo chiesto che venga dato mandato di lavorare al più presto a questo scenario. E credo che la Commissione la prossima settimana lavorerà su queste proposte".Il ministro ha poi menzionato anche "un altro punto fondamentale discusso da tutti, il disaccoppiamento dell'energia elettrica rispetto al prezzo del gas", nella struttura del mercato elettrico all'ingrosso europeo. Una riforma che la Commissione si è impegnata a presentare quest'autunno.Quanto alla posizione della Germania, Cingolani ha riferito che il ministro dell'Economia tedesco, Robert Habeck "ha fatto un bellissimo intervento; ha detto che loro non hanno nessuna pregiudiziale sul price cap. L'unica cosa", ha obiettato Habeck secondo il ministro italiano "è che per alcuni paesi del Sud-Est potrebbe essere un po' complicato; quindi bisognerà verificare che questa cosa sia sostenibile".In effetti, ha precisato Cingolani "ci sono due paesi che hanno un problema specifico Però anche con questi paesi posso garantire che il clima è stato molto costruttivo". E questi due Stati membri, ha concluso, "sono geograficamente limitrofi alla frontiera Est" dell'Ue (si tratta probabilmente di Ungheria e Slovacchia).

I ministri dell'Energia Ue invitano la Commissione a proporre entro metà settembre "interventi" per "limitare l'impatto eccezionale dei prezzi elevati del gas sull'elettricità sui mercati all'ingrosso e sui clienti" e "misure coordinate di riduzione della domanda dielettricità in tutta l'Ue". I ministri concordano anche sulla necessità di impiegare" strumenti di liquidità di emergenza" per le utility alle prese con la volatilità del mercato. "

Il Consiglio Ue Energia invita "la Commissione a esaminare le opzioni su come utilizzare il mercato delle emissioni Ue (Ets) per far fronte all'attuale prezzo elevato dell'elettricità, ribadendo al contempo i propri impegni a raggiungere in modo economicamente vantaggioso gli obiettivi di taglio delle emissioni di gas a effetto serra concordati, e a prendere atto del ruolo della riserva di stabilità" dello stesso Ets.