Rapporto Censis

Giovani, per 4 su 10 il futuro sarà peggiore a causa della pandemia

Dal rapporto "Generazione post pandemia: bisogni e aspettative dei giovani italiani nel post Covid" emerge che incertezza e ansia gravano sulla quotidianità delle nuove generazioni

Giovani, per 4 su 10 il futuro sarà peggiore a causa della pandemia
pixabay
depressione stress ansia coronavirus covid

In Italia più di sei giovani su dieci (62%) hanno cambiato la propria visione del futuro a seguito della pandemia: solo per il 22% il futuro sarà migliore, mentre il 40% ritiene che sarà peggiore. Manca una promessa di miglioramento e benessere per le giovani generazioni e di fronte a un futuro ignoto prevalgono incertezza (49%) e ansia (30%), che in alcuni casi si trasformano in paura (15%) e pessimismo (13%) soprattutto dinanzi a eventi le cui dimensioni e conseguenze vanno oltre la capacità di previsione e di intervento dei singoli. È quanto emerge dal Rapporto realizzato dal Censis per il Consiglio Nazionale dei Giovani e l'Agenzia Nazionale per i Giovani dal titolo: "Generazione post pandemia: bisogni e aspettative dei giovani italiani nel post Covid".

Secondo l'indagine, il 27% dei giovani dichiara che durante la pandemia la sua salute è peggiorata e la quasi totalità (97%) ha avuto almeno un piccolo malessere, tra mal di testa (69%), dolori articolari (57%) e problemi intestinali (42%). In aumento anche i disturbi del comportamento alimentare, quali l'anoressia e la bulimia: il 12% dei giovani tra i 18 e i 36 anni dichiara di soffrirne, in particolare il 13% delle donne e l'11 degli uomini, il 16% degli under 25 e il 10% di chi ha tra i 25 e i 36 anni. Il 45% dei giovani dichiara, inoltre, che dopo la pandemia desidera trascorrere a casa più tempo possibile, con circa la metà degli under 35 (48%) che sviluppato una sorta di agorafobia. Il 47%, poi, dichiara di sentirsi fragile e il 32% si sente solo, quota che sale al 39% tra i giovanissimi. A soffrire di ansia e depressione, dopo il Covid, è ben 45% degli under 37 (una percentuale che sale al 49% per gli under 25).

"I dati del Rapporto evidenziano chiaramente come la questione generazionale stia trascinando sulla pelle di troppe ragazze e troppi ragazzi le conseguenze di una crisi che ha creato forti squilibri economici, sociali e psicologici che non solo minano alla competitività del Paese ma rischiano di lasciare, ancora, indietro una generazione esausta- ha dichiarato Maria Cristina Pisani, confermata presidente del Cng per i prossimi tre anni- Ce n'è abbastanza per comprendere perché i giovani sempre di più scelgono di fuggire all'estero, perché non riescono a mettere su famiglia e fare un figlio e quali sono gli ostacoli che ancora oggi impediscono una loro piena emancipazione. Occorre riflettere su una concreta promessa di futuro per arginare l'onda d'urto della crisi pandemica, economica e delle attuali sfide su un'intera generazione, che oltre ad essere la più povera è anche la più sola".