Una vita da film

Addio al senzatetto che ispirò "The Terminal" a Spielberg, Nasseri è morto all'aeroporto di Parigi

Mehran Karimi Nasseri, rifugiato politico iraniano, si è spento nell’aeroporto parigino di Roissy-Charles de Gaulle, dove ha vissuto per più di 18 anni

Addio al senzatetto che ispirò "The Terminal" a Spielberg, Nasseri è morto all'aeroporto di Parigi
Christophe Calais/Corbis via Getty Images
Mehran Karimi Nasseri all'aeroporto Charles de Gaulle

Mehran Karimi Nasseri, rifugiato politico iraniano che ha vissuto più di 18 anni all'aeroporto parigino di Roissy-Charles de Gaulle ed ha ispirato il regista Steven Spielberg per il suo film “The Terminal”, è morto oggi nello scalo in cui aveva trascorso anni di vita. Lo si è appreso da fonti aeroportuali. Nasseri, 80 anni, è morto per cause naturali nel terminal 2F.

Era tornato da qualche settimana a vivere all'aeroporto. Addosso aveva diverse migliaia di euro. Era nato a Masjed Soleiman, nella provincia iraniana del Kuzistan, e con il soprannome di “Sir Alfred” aveva eletto a sua dimora Roissy dal novembre 1988, dopo un lungo girovagare alla ricerca della madre. Era stato a cercarla a Londra, a Berlino e ad Amsterdam. Ogni volta era stato espulso dalle autorità dei vari paesi non essendo in possesso di documenti regolari.

Mehran Karimi Nasseri all'aeroporto Charles de Gaulle Christophe Calais/Corbis via Getty Images
Mehran Karimi Nasseri all'aeroporto Charles de Gaulle

Nel 1992 la Francia è pronta a concedergli il permesso di soggiorno se presenta la sua tessera di rifugiato accordatagli dal governo belga, il quale chiede però che sia Nasseri in persona ad andare a ritirarla, ma egli non può uscire dalla Francia perché i suoi documenti sono all'estero. La situazione si sblocca sette anni dopo, nel 1999, quando viene accompagnato al tribunale di Bobigny per ritirare i suoi documenti, ma Nasseri sorprende tutti sostenendo che quei documenti sono errati e dichiara di chiamarsi "sir Alfred Mehran" e di non essere un cittadino iraniano, probabilmente anche a causa di una degenerazione delle funzioni celebrali. Nasseri ha continuato quindi a soggiornare al terminale 1 dell'aeroporto Charles De Gaulle fino all'agosto 2006 quando, per un'intossicazione alimentare, è stato ospedalizzato. Dimesso nel gennaio 2007, è stato preso in consegna dalla sezione locale della Croce Rossa francese dell'aeroporto; ha soggiornato per alcune settimane in un albergo vicino all'aeroporto, e il 5 marzo 2007 è stato trasferito in una casa di accoglienza gestita da Emmaüs France nel XX arrondissement di Parigi.

A Roissy-Charles de Gaulle, era diventato un volto familiare per il personale dell'aeroporto e una figura emblematica, protagonista di servizi giornalistici, tv e radio di tutto il mondo. Nel 2004 Tom Hanks interpretò il suo ruolo nel film di Steven Spielberg “The Terminal”, la storia a lui ispirata.