Verso Usa 2024

Trump minaccia DeSantis: se si candida, rivelerò cose scottanti su di lui

Nel giorno della riconferma del governatore della Florida, Trump fa di tutto perché Ron Dsantis non diventi il suo avversario alle primarie

Trump minaccia DeSantis: se si candida, rivelerò cose scottanti su di lui
AP Photo
Il Governatore della Florida Ron Desantis

A spoglio dei voto è ancora in corso, quando ancora non si può quantificare la, quasi certa, vittoria dei repubblicani al Congresso e il sostanziale pareggio (un seggio in più, un seggio in meno) al Senato, Donald Trump riesce ancora una volta ad attrarre l'attenzione mediatica su di se'. Non si è ancora ufficialmente candidato, ma ha provveduto a farsi terra bruciata intorno: nel mirino è Ron Desantis, appena riconfermato governatore della Florida e potenziale candidato alle elezioni presidenziali del 2024, insomma il suo principale concorrente.

Dopo settimane di mezze parole, e dopo la terza vittoria in Florida, Donald Trump è dovuto ricorrere alle minacce e ha ‘avvertito’ DeSantis di non candidarsi alle prossime presidenziali e, se lo farà lo stesso, ha minacciato di rivelare scottanti  informazioni su di lui. Parole chiarissime quelle di Trump: "Penso che se si candidasse potrebbe farsi molto male. Penso che alla base non piacerebbe - non credo che sarebbe un bene per il partito". L'ex presidente degli Stati Uniti ha anche avvertito che avrebbe detto ai giornalisti "cose" sul governatore della Florida "che non sarebbero molto lusinghiere". “So più cose su di lui di chiunque altro, a parte forse sua moglie”, ha chiosato l'ex presidente.

Governatore Florida ApNews
Governatore Florida

DeSantis è emerso come il più potente rivale di Trump nel campo repubblicano, governando il suo Stato con politiche di destra popolari con la base trumpista del partito e ha sempre evitato, talvolta anche in modo imbarazzante, di rispondere alle domande sulle sue ambizioni presidenziali.

Non è certo bastato all'ex presidente che lo ha messo nel mirino da tempo: sabato scorso, ad esempio, Trump ha attaccato DeSantis, chiamandolo "Ron DeSanctimonious" durante un comizio in Pennsylvania, e non senza motivo. È vero che Trump domina i sondaggi sui possibili candidati repubblicani nel 2024, ma DeSantis è il suo antagonista più forte e non avrebbe addirittura rivali se Trump non fosse candidato. All'ex presidente serve che Desantis resti lontano dalle primarie repubblicane.

"Non sono sicuro che voglia candidarsi", ha detto ieri Trump e il suo nuovo avvocato, Alina Habba, ha dichiarato con un Network di destra : "Deve rimanere in Florida, sta facendo un ottimo lavoro". Infine l'ultima dichiarazione di Trump è stata proprio di questa notte: "Ho votato per DeSantis".