Cina-Corea del Nord

Xi Jinping scrive a Kim Jong-un: "Collaboriamo per la pace nel mondo"

Il presidente cinese ha chiesto al leader nordcoreano di rafforzare le relazioni bilaterali per trovare "soluzioni politiche sulla penisola coreana e tutelare gli interessi di entrambi i Paesi"

Xi Jinping scrive a Kim Jong-un: "Collaboriamo per la pace nel mondo"
AP/Wikipedia
Xi Jinping e Kim Jong-un

Il presidente cinese Xi Jinping ha scritto una lettera al leader supremo nordcoreano Kim Jong-un invitandolo a cooperare per la pace mondiale e la stabilità regionale, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa ufficiale nordcoreana KCNA.

Rispondendo al messaggio di congratulazioni della Corea del Nord dopo la sua rielezione a segretario generale del Comitato centrale del Partito comunista cinese, Xi ha sottolineato nella sua lettera l'importanza delle relazioni tra i due paesi, soprattutto in un momento storico di cambiamenti "senza precedenti".        

"I cambiamenti nel mondo, nei tempi e nella storia stanno avvenendo in un modo che non ha precedenti. In questa nuova situazione, lavorerò con il compagno segretario generale" Kim Jong-un e "desidero dare nuovi e positivi contributi per promuovere pace, stabilità, sviluppo e prosperità nella regione e nel mondo in generale", è scritto nella lettera.

Xi ricorda nella missiva anche gli "importanti punti comuni di intesa e i progressi nelle relazioni" alla ricerca di soluzioni politiche circa la penisola coreana e la tutela degli interessi di entrambi i Paesi. Entrambi i leader "difendono con forza la causa del socialismo e hanno lavorato con vigore per salvaguardare la pace e la stabilità nella regione e nel mondo", ha aggiunto Xi.

La missiva arriva viene in un momento di particolare tensione in Asia orientale e nella Penisola coreana. Pyongyang quest'anno ha sparato un numero record di missili, anche a gittata intercontinentale, verso il Mar del Giappone e le intelligence di Stati uniti e Corea del Sud affermano che è pronta a effettuare il suo settimo test nucleare.

Washington, Seoul e Tokyo, inoltre, hanno rafforzato la loro cooperazione militare rispetto alla minaccia nordcoreana e hanno moltiplicato le loro esercitazioni militari congiunte.

La Corea del Nord, sottoposta a sanzioni internazionali, è fortemente dipendente dalla Cina in termini economici, anche se non sempre è allineata alle posizioni cinesi e pronta a rispondere alle sollecitazioni di Pechino.

Pechino non si è unita alla condanna da parte di molti grandi paesi in sede Onu in relazione all'ultimo lancio di un missile balistico intercontinentale del 18 novembre da parte della Corea del Nord. La scorsa settimana il presidente Usa Joe Biden, nel summit con Xi a Bali a margine del G20, ha chiesto al leader cinese di mandare un chiaro messaggio a Pyongyang affinché si astenga dall'effettuare un nuovo test nucleare.