Dati economici

Cina. Dati sul Pil migliori del previsto, + 2,9%. In calo la popolazione

Per quanto migliori delle attese sono pur sempre ai minimi da 40 anni. Tiene anche la produzione industriale

Cina. Dati sul Pil migliori del previsto, + 2,9%. In calo la popolazione
STR/AFP via Getty Images
Fabbrica Apple a Shenzen

A dispetto delle recenti previsioni il Pil cinese si mostra più solido di quanto atteso e archivia un dato annuale, aggiornato al quarto trimestre dell'anno, a +2,9% (in calo rispetto al 3,9% della precedente rilevazione ma ben al di sopra dell'1,8% atteso). 

A influenzare positivamente la media annuale è stato infatti il dato relativo al quarto trimestre dello scorso anno che, invece che flettere dello 0,8% come atteso è rimasto invariato. 

Per quanto migliori delle attese i dati sul Pil diffusi oggi sono pur sempre ai minimi da 40 anni. Pechino si era inizialmente prefissato un target del 5,5, un dato decisamente inferiore a quello del 2021, quando il Pil cinese crebbe oltre l'8%. 

Tiene anche la produzione industriale nonostante le ferree politiche di contenimento della pandemia. I dati diffusi dall'Ufficio nazionale di statistica cinese mostrano infatti un dato annuale, aggiornato a dicembre, a 3,6%, in leggera flessione rispetto al precedente 3,8%.

Cala anche la popolazione, prima volta in oltre 60 anni. In totale, l'anno scorso sono state registrate 9,56 milioni di nascite, che non hanno compensato i 10,41 milioni di decessi, ha annunciato il National Bureau of Statistics (BNS) in un rapporto. La popolazione cinese è quindi diminuita di circa 850.000 persone nel 2022. Questo calo dovrebbe durare, secondo molti demografi, per diversi decenni, con conseguenze significative per l'economia, la società e il sistema pensionistico.

Il calo demografico è il primo dal 1960-1961, quando una terribile carestia, iniziata nel 1959, causò decine di milioni di morti, in particolare a seguito degli errori della politica economica del “Grande balzo in avanti”.

Questo calo nel 2022 è spiegato in particolare dal costo della vita che è aumentato notevolmente, dal più alto livello di istruzione delle donne che ritarda le gravidanze o anche dalla mancanza di desiderio delle giovani generazioni di avere un figlio.