La rilevazione degli ospedali sentinella

Covid, Fiaso: il 30% dei pazienti in terapia intensiva è senza vaccino

Ricoveri in calo, -18% in sette giorni. Diminuiscono anche gli ingressi in ospedale in età pediatrica

Covid, Fiaso: il 30% dei pazienti in terapia intensiva è senza vaccino
(LaPresse)
Foto archivio

L'andamento dei ricoveri Covid per la sesta settimana consecutiva risulta in discesa, con un calo del 18% negli ultimi sette giorni.

Il 30% dei pazienti in terapia intensiva non risulta vaccinato e ha un'età media di 58 anni, rispetto ai 71 anni dei soggetti vaccinati. E' quanto emerge dalla rilevazione del 24 gennaio della rete della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere degli ospedali sentinella (Fiaso).

Meno ricoveri in età pediatrica

La flessione dei ricoveri riguarda anche i minori di 18 anni che, nei quattro ospedali pediatrici e nei reparti della rete sentinella Fiaso, segnano una diminuzione del 20%. Anche negli ultimi sette giorni non si segnala nessun ingresso di bambini in terapia intensiva Covid. Il 72% dei pazienti minori, malati di coronavirus, hanno tra 0 e 4 anni. 

Ricoverati “per Covid” e "con Covid" 

Costante la proporzione tra i pazienti ricoverati “per Covid”, con insufficienza respiratoria o polmonite, che sono il 41% del totale, il 75% è vaccinato da più di sei mesi, con una età media di 77 anni e nella gran parte affetti da altre patologie. Sono il 59% i pazienti "con Covid", ovvero pazienti che sono arrivati in ospedale per la cura di altre patologie, sono positivi al virus ma non hanno sintomi respiratori e polmonari. Stabile la situazione delle terapie intensive, con un solo nuovo ingresso, dopo il significativo calo registrato la scorsa settimana.