Sicurezza informatica

Ferrari sotto attacco informatico: "Non cederemo a nessun ricatto"

L'attacco criminale riguarda i dati di contatto dei clienti della casa di Maranello

Ferrari sotto attacco informatico: "Non cederemo a nessun ricatto"
Getty
La sede della Ferrari a Maranello

La Ferrari ha ricevuto recentemente una richiesta di riscatto relativa ad alcuni dati di contatto dei propri clienti a seguito di un attacco informatico. Lo comunica la stessa societa' che in una nota fa sapere che "dopo aver ricevuto tale richiesta, abbiamo immediatamente avviato un'indagine in collaborazione con una società di cybersicurezza leader a livello mondiale. Inoltre, abbiamo informato le autorita' competenti e siamo certi che faranno tutto quanto in loro potere nello svolgimento delle indagini".

"In linea con la propria policy aziendale - si legge nella nota - Ferrari non accoglierà nessuna richiesta di riscatto in quanto acconsentire a simili richieste finanzierebbe attivita' criminali e permetterebbe agli autori delle minacce di perpetuare i loro attacchi. Nella convinzione che la migliore linea d'azione sia quella di informare la nostra clientela, abbiamo notificato ai nostri clienti la potenziale esposizione dei loro dati e la natura dell'evento", spiega la societa'.

"Ferrari tratta molto seriamente il tema della confidenzialità dei propri clienti e comprende l'importanza di quanto accaduto - si legge ancora nella nota - abbiamo collaborato con esperti per rafforzare ulteriormente i nostri sistemi, della cui solidità siamo fiduciosi. Possiamo inoltre confermare che la violazione non ha avuto alcun impatto sull'operatività della nostra azienda", conclude.

L'ingresso storico della sede Ferrari, Maranello ANSA/UFFICIO STAMPA FERRARI
L'ingresso storico della sede Ferrari, Maranello