Trentasettesima giornata

Sampdoria-Sassuolo 2-2, orgoglio blucerchiato (nonostante la B)

Partita con botta e risposta, per chiudere al meglio la stagione. Nei primi 10': la sblocca Gabbiadini all'8', neroverdi ribaltano con Berardi al 9' e Henrique all'11', autogol di Erlic al 78'

Sampdoria-Sassuolo 2-2, orgoglio blucerchiato (nonostante la B)
GettyImages
Genova, tifosi della Sampdoria allo Stadio Luigi Ferraris

Oggi pomeriggio, i tifosi blucerchiati, prima dell'inizio della partita, si sono presentati sotto la sede del club, dove si svolgeva un'assemblea azionaria, con uno striscione che recitava "Giù le mani dalla Sampdoria". Organizzato anche un corteo diretto a Marassi per la sfida contro il Sassuolo con cori inneggianti alla  squadra del cuore, attualmente in cattive acque finanziare. “Amore incondizionato al di là del risultato” gridano i tifosi. Per il 29 maggio è stata convocata un'altra assemblea degli azionisti per fronteggiare i ben noti problemi societari.

Inizio partita incredibile. Blucerchiati, anche se retrocessi già in B, scendono in campo con orgoglio, in attesa di un futuro societario non proprio facile. Dopo i primi dieci minuti già tre gol con botta e risposta. La sblocca Gabbiadini all'8', neroverdi rispondono con Berardi al 9' e Henrique all11'. Ritmo altissimo. Padroni di casa partono subito in attacco ma si fanno raggiungere e superare in pochissimi minuti, con un fulminante raddoppio. La prima frazione finisce a favore degli ospiti, seppur con tutto lo stadio che incita la Samp. Qualche buona occasione per i padroni di casa che non riescono a finalizzare.

Fabio Quagliarella GettyImages
Fabio Quagliarella

Inizia la seconda frazione. Il rientro dagli spogliatoi prevede qualche sostituzione. Per il Sassuolo esce Thorstvedt, entra Harroui. Per la Samp: esce Nuytinck, entra Murru; esce Amione, entra Paoletti. Blucerchiati entrano in campo con le idee chiare, ma sono i neroverdi, più aggressivi, ad attaccare l'area avversaria e gestire il match. La Samp, però, non ci sta e torna ad alzare il ritmo della partita in cerca del pareggio. Mister Dionisi incita la squadra ma al 78' arriva il fattaccio. Autogol di Erlic che riporta i blucerchiati a sperare. Quagliarella tira al volo, Consigli para, rimpalla sul croato e subito dopo in porta. All'86' lo stadio esplode quando esce capitan Quagliarella, sostituito da Lammers, con le lacrime agli occhi. Standing ovation per il calciatore. Abbraccio di gruppo in campo con tutta la squadra.

Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM - Esultanza Gabbiadini LaPresse
Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM - Esultanza Gabbiadini

Capitan Fabio Quagliarella, attaccante della Samp, nel post partita: “E' stato davvero emozionante, è difficile trovare le parole per raccontare quello che sto vivendo. Per me è stato un saluto perché è l'ultima in serie A in casa per il sottoscritto ma non per la Sampdoria. Questa è casa mia e ho le idee chiarissime”.

E sottolinea: "Questi tifosi meritano questa categoria e se la nuova società vorrà io sono disponibile a dare una mano in campo per riportare la Sampdoria in serie A perché questi tifosi se lo meritano visto che sono straordinari. Non voglio essere al centro del progetto ma farne parte, sono a disposizione. In caso contrario è stato un viaggio eccezionale. Non è un addio ma soltanto un arrivederci".

Alla fine della partita, il presidente della Sampdoria, Marco Lanna, è sceso in campo ed è andato sotto la Gradinata Sud con la maglia n. 9 di Gianluca Vialli, scomparso lo scorso 6 gennaio, per sempre nel cuore dei tifosi blucerchiati.

Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM - esultanza Henrique LaPresse
Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM - esultanza Henrique

La cronaca testuale

Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM LaPresse
Sampdoria vs Sassuolo - Serie A TIM