L'addio al Cavaliere

Le esequie di Berlusconi, evento crossmediale commentato soprattutto su Twitter e siti informativi

Una ricerca Socialcom segnala la prevalenza di sentimenti negativi (53%) nelle reazioni degli utenti che hanno commentato i funerali. Migliaia di interazioni anche sul tema "lutto nazionale"

Le esequie di Berlusconi, evento crossmediale commentato soprattutto su Twitter e siti informativi
(Ansa)
Il feretro del Cavaliere esce dal Duomo

I funerali di Silvio Berlusconi sono stati un evento mediatico trasmesso in diretta dalle principali televisioni nazionali e in streaming dai principali siti online. I social sono stati utilizzati da migliaia di utenti per commentare le dirette televisive in real time e per continuare a lasciare messaggi di  cordoglio per la morte dell'ex premier.

 

Evento crossmediale, commentato soprattutto su Twitter e siti informativi

Precisamente la ricerca di Socialcom, realizzata in esclusiva per Adnkronos in collaborazione con Social Data, sulla rete italiana ha analizzato oltre 13.000 conversazioni, oltre 4.600.000 di interazioni tra commenti, like, condivisioni e reactions. Dei funerali di Berlusconi si è parlato in particolare su Twitter (51%), nei siti di news (22%) e su Facebook (16%). Le conversazioni sul tema si sviluppano tra i commenti ai post dei principali quotidiani che hanno seguito, con dirette dedicate, i funerali di Stato. L'argomento sembra avere avuto meno presa su Instagram e TikTok. “I funerali di Stato per Silvio Berlusconi - commenta Luca Ferlaino, fondatore di Socialcom - sono stati un evento crossmediale. Gli utenti hanno seguito le immagini alla televisione e contemporaneamente interagivano sulle piattaforme social, in particolare su Twitter”.

Le esequie sono state seguite e commentate anche all'estero: quasi il 10% delle conversazioni online riguardanti la scomparsa sono in lingua non italiana, con una prevalenza della lingua inglese (2,3%) e di quella indiana (1%). Le conversazioni social hanno registrato percentuali di sentiment maggiormente negativo (53%), soprattutto legate alle emozioni di cordoglio, tristezza e dolore per la scomparsa. Questo è evidente anche dalle reactions più utilizzate, oltre al classico “mi piace” che domina la classifica, il 4,1% ha utilizzato l'emoticon con la faccina che piange e il 7,2% il cuore. Tra le emoji più frequenti utilizzante nei commenti troviamo il simbolo della lente d'ingrandimento che potrebbe indicare un interesse a indagare o scoprire maggiori dettagli sui funerali, il simbolo che generalmente rappresenta l'attenzione o l'importanza attribuita all'evento. Altre emoji come il cuore riflettono l'affetto nei confronti di Berlusconi, o la tristezza o il dolore per la scomparsa.

 

L’atteggiamento dei leader nei confronti dell’evento e il sentiment suscitato

È stata eseguita un'analisi semantica delle conversazioni, suddivise per macroaree tematiche. In quasi la metà delle conversazioni si parla di argomenti politici, in particolare legati al futuro del centrodestra e di Forza Italia nell'era post-Berlusconi e all'atteggiamento dei leader politici in questa fase. Molti anche i commenti in relazione al lutto (32,8%), al contesto mediatico (15,5%) e alle emozioni e sentimenti (11,5%). L'atteggiamento dei leader nei confronti dei funerali di Stato è stato “giudicato” dagli utenti tramite commenti e reactions. È stata  quindi analizzata la variazione del sentiment nei confronti dei principali leader di maggioranza e opposizione. In generale, i leader  che hanno partecipato ai funerali in Duomo a Milano hanno visto accrescere il sentiment positivo: +31% Giorgia Meloni, +27% Matteo Salvini, +23% Matteo Renzi +17% Elly Schlein, +12% Carlo Calenda. Giuseppe Conte, unico leader a non partecipare ai funerali, ha visto una riduzione del sentiment positivo del -20%.

 

La polemica sul lutto nazionale

Il tema del lutto nazionale ha generato 5.000 conversazioni e oltre 1,7 milioni di interazioni. Da queste emerge l'interesse del pubblico nel partecipare alle cerimonie funebri e nell'esprimere il proprio affetto e rispetto per il leader politico scomparso. In maniera decisamente marginale, emergono anche concetti relativi alle polemiche e a discussioni animate o divergenze di opinione sull'opportunità del dichiarare il lutto nazionale.