Alla Casa del Jazz di Roma tornano i Concerti del Parco

Dal 2 luglio al 6 agosto musica, teatro, danza e letteratura per la XXXIII edizione della rassegna. Stefano Fresi e Lucia Mascino portano in scena le “Favole italiane” di Italo Calvino. Morgan canta Battisti, Battiato e Modugno

Alla Casa del Jazz di Roma tornano i Concerti del Parco
Casa del Jazz
Morgan

Dodici eventi nella cornice del Parco della Casa del Jazz: spettacoli che propongono musica, senza barriere di genere, ma anche la parola scritta o recitata, la satira, la danza e talking. Due prime assolute e molte prime o date uniche a Roma, una programmazione sempre più innovativa, in costante evoluzione ed esplicitamente multidisciplinare, che ha ancora una volta l’obiettivo di arrivare a ogni tipo di pubblico.

I Concerti nel Parco inaugura domenica 2 luglio con lo spettacolo “Omeophonie” Favole omeopatiche per adulti di Arianna Porcelli Safonov, otto favole in musica con l’obiettivo di esorcizzare la decadenza contemporanea. Otto microcosmi ricchi di sensazioni umanissime, otto piccole storie che disegnano caratteri potenti e psicotici, otto sfoghi quotidiani scritti e interpretati da Arianna Porcelli Safonov, impreziositi dalle musiche di due giovani compositori molto apprezzati in ambito nazionale, Renato Cantini e Michele Staino.

La rassegna prosegue lunedì 3 luglio con una nuova produzione del festival, “Giovannin senza paura”, spettacolo presentato in Prima assoluta a Roma. È un reading musicale su una selezione delle Fiabe Italiane di Italo Calvino con le voci narranti di Stefano Fresi e Lucia Mascino. Per il centenario della nascita dello scrittore, si portano in scena alcune delle celeberrime fiabe riedite da Calvino per Einaudi negli anni ’50. La musica interpretata da Massimo Mercelli al flauto e Cecilia Berioli, violoncello, si fonde con il live electronics con Giacomo Vezzani, e le voci dei due attori, in un quadro unico di grande impatto emotivo.

Giovedì 6 luglio, una nuova produzione: lo spettacolo “#Giovani artisti X una musica senza tempo” con la Nuova Orchestra Papillon diretta da Roberto Nobilio. Il concerto sarà preceduto da un laboratorio aperto a bambini dai 5 agli 11 anni dal titolo “Violinista in un’ora”, condotto dalla violinista e docente Karen Velasquez. Venerdì 7 luglio è la volta di “Er Corvaccio e li morti” Una “spoon river” romanesca con la voce recitante di Lino Guanciale, per la regia di Lisa Fernazzo Natoli e la drammaturgia di Maria Grazia Calandrone dai “Sonetti” romaneschi di Graziano Graziani. Accompagnamento musicale, creato ad hoc, di Gabriele Coen e Stefano Saletti.

Domenica 9 luglio, in Prima a Roma “Avvenne a Napoli” Passione per voce e piano, lo spettacolo che segna il ritorno di Eduardo De Crescenzo, accompagnato da Julian Oliver Mazzariello al pianoforte. Eduardo De Crescenzo interpreta per la prima volta la Canzone Classica Napoletana del periodo tra il 1800 e il 1950. Introduce all’ascolto Federico Vacalebre, giornalista, critico musicale, autore cinematografico e teatrale, napoletano.

Martedì 11 luglio “The future is bright” tappa a Roma ed unica data italiana, insieme a quella di Gardone Riviera, per l'European Tour 2023 di Dean Lewis, il cantautore australiano che ha venduto oltre 3,8 milioni di album ed EP in tutto il mondo e la cui musica ha attirato oltre 7,5 miliardi di stream fino ad oggi. Lunedì 24 luglio tappa a Roma del Tour Europeo del “ Cello Sam3a Trio” con Jacuqes Morelenbaum al violoncello, Rafael Barata alla batteria e Lula Galvão alla chitarra, in un Tributo a Ryuichi Sakamoto con il graditissimo ritorno dopo anni di assenza da Roma di Paula Morelenbaum come special guest. Martedì 25 luglio, “B.L.U.E” L’improvvisazione con effetti collaterali, con I Bugiardini, un musical completamente improvvisato, uno spettacolo estemporaneo ispirato alle atmosfere, alla musica e alla narrazione tipica dei musical di Broadway. Venerdì 28 luglio, in Prima a Roma “Comizi d’Amorecontemporanei con Paolo Crepet accompagnato al pianoforte da Marcello Mazzoni. Una riflessione ma anche una proposta di confronto aperto con il pubblico, di Paolo Crepet sull'amore e le passioni umane contestualizzate nella nostra epoca, un tema tra i più dibattuti e cari allo psichiatra-scrittore, che prenderà spunto anche dalle suggestioni musicali offerte da alcune opere di compositori tra cui Arvo Pärt, Michael Nyman, Philip Glass, Erik Satie.
Sabato 29 luglio è la volta di “StraMorgan Live” Morgan canta Battisti, Battiato, Modugno, Bindi, con Morgan che, in questa data unica a Roma, porta sul palcoscenico i contenuti della omonima trasmissione di RaiDue. Lo fa accompagnato dalla sua storica band, Le Sagome – Marco Carusino alla chitarra, Lele Battista alle tastiere, Megahertz polistrumentista, Sergio Carnevale alla batteria.

Martedì 1° agosto una nuova produzione de I Concerti nel Parco in prima assoluta, lo spettacolo “Malvarosa” con il gruppo Flamenco Tango Neapoli e la Vat Ballet Company. Grande chiusura per I Concerti nel Parco, all’insegna del ritmo e della festa, domenica 6 agosto conDancefloor” il mondo in pista, con l’Orchestra di Piazza Vittorio, uno show dedicato al ballo, al ritmo e alla musica che supera i generi, gli stili e le nazioni, per raccontare la storia di un’utopia diventata realtà, quella dell’Orchestra di Piazza Vittorio, l’ensemble multietnico unico nel panorama mondiale, fondato nel 2002, con l’idea di creare un’orchestra stabile di musicisti provenienti da diversi paesi e culture. Dancefloor parte dalla musica tradizionale, mischiandola e intingendola con rock, pop, reggae, e classica, e toccando generi e sonorità per lo più sconosciute al grande pubblico che OPV ha portato in giro per il mondo. Dal folk al jazz, dalle tablas agli archi, dai tamburi ai fiati, la serata sarà un viaggio tra Paesi, culture e linguaggi: le atmosfere sensuali della cumbia boliviana, le danze berbere, la sacralità del canto Sufi, la musica delle Ande, l’Afro Beat e la scanzonata allegria del reggae arabo.