Il punto sull'offensiva ucraina

Kiev supera la linea Surovikin, Media russi: soldati tedeschi in Leopard ucraino

Secondo Ria Novosti, un equipaggio di militari tedeschi in un tank distrutto in Ucraina, nessuna conferma. Controffensiva avanza verso Tokmak nonostante le difese russe e i denti di drago. E Lavrov attacca la Nato dall'Onu

Kiev conferma lo sfondamento della linea Surovikin, nel quadrante di Zaporizhzhia, e promette di voler mantenere lo slancio, senza che l'avanzata del "generale inverno" abbiano un impatto sulle operazioni militari. L'offensiva, lenta ma costante, va verso Tokmak, non sembrano fermarla le fortificazioni a "denti di drago" russe, le mine, e lo schieramento dei soldati russi in difesa perchè - secondo l'intelligence britannica - si tratta di una fanteria ormai "logora" che non riesce a contrastare efficacemente il nemico ucraino.

Video: Fossati, trincee, trappole a "dente di drago", così la Russia cerca di ostacolare l'avanzata Ucraina

 

L'intervento all'Onu del ministro degli esteri russo Lavrov: 

Mentre da New York, arriva la - sinistra - minaccia del ministro degli esteri di Putin, Sergej Lavrov, che dall'Onu attacca la Nato dicendo: "Siamo al bivio di una grande guerra".

Verso Sud, vicino Verbove
"Sul fianco sinistro del Dnipro, vicino a Verbove, abbiamo fatto breccia e continuiamo ad avanzare", ha detto il generale che guida l'operazione sulla linea del fronte meridionale, Oleksandr Tarnavsky. Nel mentre emergono altri dettagli sul bombardamento del comando della flotta del Mar Nero, a Sebastopoli: nove persone, secondo gli 007 ucraini, sarebbero state uccise nel corso del raid e 16 ferite, tra cui due generali.   

L'istante dell'esplosione sul palazzo di Sebastopoli in Crimea dove erano riuniti di generali russi

I “due” missili su Sebastopoli 
I missili da crociera avrebbero infatti colpito il palazzo neoclassico situato nel centro della città proprio mentre era in corso una riunione di alto livello. 

Nel raid di Kiev coinvolti alti generali e comandanti russi
Kyrylo Budanov, capo della Direzione principale dell'intelligence ucraina, ha dichiarato a Voice of America che "tra i feriti c'è il comandante del gruppo, Alexander Romanchuk, in condizioni molto gravi, mentre il capo di stato maggiore, Oleg Tsekov, non è cosciente". Budanov non ha confermato le notizie sulla presunta morte del comandante della flotta, l'ammiraglio Viktor Sokolov. 

Si tratta naturalmente d'informazioni non confermate dai russi, che anzi ridimensionano il colpo messo a segno da Kiev

carro armato Leopard 2 manovre in addestramento ansa
carro armato Leopard 2 manovre in addestramento

Mistero sul carro armato Leopard 2 con l'equipaggio tedesco: "distrutto da Mosca"
Casualmente, però, ieri l'agenzia statale Ria Novosti -nota per avere aderenze con i servizi segreti esterni, per altro sanzionata dall'Ue - ha battuto una notizia singolare: le forze armate russe avrebbero distrutto un carro armato Leopard nell'oblast di Zaporizhzhia con a bordo un equipaggio "interamente tedesco".

Un video di guerra russo che mostra un carro armato Leopard 2 distrutto in Ucraina

La notizia non è stata riportata da altre agenzie statali o private. Però è diventata virale nella rete di internet russa.

Sono "un soldato della Bundeswehr"
L'autista del carro armato danneggiato - racconta il comandante di un gruppo di ricognizione identificato come "Legend" - parlando in tedesco avrebbe detto più volte che "non era un mercenario" ma "un soldato della Bundeswehr" così come l'intero equipaggio ucciso dai russi. Le implicazioni sono chiare: la Nato starebbe prendendo parte al conflitto. 

Ma le autorità di Berlino, interpellate dall'ANSA, non hanno commentato la vicenda. Si vedrà nelle prossime ore - o giorni - come si svilupperà questo episodio, potenzialmente esplosivo. 
 

Forte pressione delle truppe ucraine su Zaporizhzhia
Di certo c'è che Kiev spinge, molto, sulla direttrice di Zaporizhzhia. Come gli strateghi di Washington avevano consigliato da tempo di fare. 
Sul punto, secondo il New York Times, ci sarebbe un forte "divario" tra ciò che si aspettano gli Usa e quello che invece dichiara Volodymyr Zelensky ("riprenderemo la città orientale di Bakhmut entro la fine dell'anno").

"Non è la seconda guerra mondiale"
Il comandante Tarnavsky, figura di rilievo dell'esercito ucraino, intervistato da un'emittente Usa, ha ammesso però che le sue truppe si stanno muovendo più lentamente del previsto. "Non così velocemente come ci si aspettava, non come nei film sulla Seconda Guerra Mondiale... ma la cosa principale, ora, è non perdere questa iniziativa, che abbiamo. E non perderla nella pratica, con le azioni".

Le forze ucraine, dopo il colpo spettacolare a Sebastopoli, dove l'analisi più approfondita delle immagini pare suggerire almeno due colpi diretti al comando della flotta con i missili da crociera franco-britannici, avrebbero forse tentato un bis, con le difese russe questa volta però in grado di abbattere gli obiettivi. 
Ma si tratta d'indiscrezioni che rimbalzano sui canali Telegram e non trovano conferme. 

Video del raid: il tiro a segno al "drone marino" di superfice a Sebastopoli. Uno degli ultimi attacchi di Kiev alla Crimea

 

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov interviene alla 78esima sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite ap
Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov interviene alla 78esima sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite

Nel mentre tuona da New York il ministro degli esteri russo Serghei Lavrov lamentando che l'Occidente cerca "di ucrainizzare l'agenda globale" e a ammonisce con una frase che suona sinistra ed evoca scenari apocalittici, affermando che il mondo, "si trova ad un bivio, sempre più sull'orlo di una grande guerra".