Indaga la Procura di Roma

La morte di Andrea Purgatori: dagli esami non emergono metastasi al cervello

Oggi c'è stato l'incontro tra i consulenti dei pm e quelli delle parti

Al momento del decesso non erano presenti metastasi al cervello. È quanto emerge "concordemente" dagli esami istologici completati nell'ambito dell'indagine della Procura di Roma sulla morte del giornalista Andrea Purgatori. 

Oggi c'è stato un incontro tra i consulenti dei pm e quelli delle parti per fare il punto sulla attività effettuata in queste settimane all'istituto di medicina legale del Policlinico di Tor Vergata. Nel procedimento, avviato dopo una denuncia dei familiari, sono indagati due medici per omicidio colposo.

I legali della famiglia Purgatori: “Massima fiducia nel lavoro dei magistrati”

"In relazione ai risultati preliminari della consulenza tecnica, circolati oggi, la famiglia Purgatori prende atto dell'assenza di metastasi cerebrali a carico di Andrea Purgatori e, come fin dall'inizio di questa vicenda, continua ad confidare nell'operato della Magistratura, con l'unico intento di far accertare la verità degli eventi e le eventuali responsabilità". Lo affermano in una nota gli avvocati Alessandro e Michele Gentiloni Silveri legali dei familiari del giornalista morto a Roma nel luglio scorso.