Manifestazioni No Vax e No Green Pass del 9 ottobre 2021

Assalto alla sede Cgil. La procura di Roma chiede 10 anni e 6 mesi per Fiore, Castellino e Aronica

Contestati i reati di istigazione a delinquere, devastazione e resistenza pluriaggravata: "Quel giorno città messa a ferro e fuoco". L'assalto alla sede della Cgil fu "un'azione pianificata", ha detto la pm, Gianfederica Dito

Assalto alla sede Cgil. La procura di Roma chiede 10 anni e 6 mesi per Fiore, Castellino e Aronica
ANsa
Assalto alla sede CGIL di Roma, 9 ottobre 2021

A due anni di distanza, la procura di Roma ha chiesto la condanna per le sette persone imputate nel processo principale legato all'assalto della sede della Cgil avvenuto il 9 ottobre del 2021 a margine di una manifestazione per protestare contro le misure anti covid stabilite all'epoca dal Governo. L'assalto fu "un'azione pianificata" che servì a "devastare la sede della Cgil e non certo un'azione estemporanea" dove i manifestanti 'No green pass', capeggiati da Castellino, misero "la città a ferro e fuoco". Così la sostituto procuratrice Gianfederica Dito durante la requisitoria di questa mattina durata due ore. "Castellino - ha inoltre sottolineato la pm - insieme a Fiore e Aronica sono gli attori principali dell'azione di guerriglia urbana che ha stravolto il normale svolgimento della vita cittadina". 

Soffermandosi poi sulle figure dei 13 imputati, la pm Dito ha fatto notare ai giudici della prima sezione penale che "Fiore dirige ma non si sporca le mani" ed è "capace di orientare le masse con poche parole. Aronica parla con le forze dell'ordine e manovra i manifestanti. Poche loro parole e in pochi minuti, tutta la folla davanti alla Cgil si disperde. Fanno tutto ciò che ha fatto, anche Castellino, ma lui in maniera palese e sfacciata. Fiore e Aronica lo hanno fatto in maniera intelligente, sottotraccia e la distruzione - ha incalzato la pm - non ha riguardato un qualsiasi immobile ma una sede sindacale nazionale".  

Al termine della requisitoria, la pubblica accusa ha chiesto per Giuliano Castellino la condanna a 10 anni e 6 mesi, come per per Luigi Aronica e Roberto Fiore. Nove anni per Luca Castellini, Salvatore Lubrano e Lorenzo Franceschi detto 'Ciclone' e Pamela Testa, 9 anni e 6 mesi.

Cgil, assalto alla sede di Roma: gli interni danneggiati LaPresse
Cgil, assalto alla sede di Roma: gli interni danneggiati

Gli scontri di Roma del 9 ottobre 2021

I manifestanti si riunirono in Piazza del Popolo. Il sit-in era stato autorizzato ma non il corteo nel centro della capitale. Dopo i discorsi dal palco, l’inizio delle tensioni. Lanci di oggetti e manganellate già nella stessa Piazza del Popolo. Camionette aggredite. Forze dell’ordine che indietreggiarono all’avanzare dei manifestanti. Furono ore di assedio nel centro della città.

A immortalare le tensioni e le devastazioni tante immagini e video ripresi dagli stessi agitatori della manifestazione. Molti dei contenuti avevano cominciato a girare sui gruppi No Vax e No Green Pass tramite i quali la manifestazione era stata organizzata. A Roma arrivarono a migliaia da tutta Italia. Piazza del Popolo era quasi piena. Centinaia di striscioni e cori contro la dittatura sanitaria e la negazione della libertà imposta dalle restrizioni anti-contagio. Le tensioni arrivarono fino a Palazzo Chigi, presidiato dalle forze dell’ordine. Le immagini più cruente furono riprese però proprio dalla sede del sindacato nel centro di Roma.