Oltre il conflitto

Ucraina: Settimana della Lingua italiana dedicata a Mariupol

L'Ambasciatore Zazo: "Il mio pensiero all'ateneo della città occupata"

Ucraina: Settimana della Lingua italiana dedicata a Mariupol
GettyImages
L'ambasciatore d'Italia a Kiev, Pier Francesco Zazo

"Anche quest'anno, pur in condizioni drammatiche per l'Ucraina, l'Istituto Italiano di Cultura di Kiev, in sinergia con l'Ambasciata, è riuscito a organizzare la consueta Settimana della Lingua italiana. Il mio ringraziamento più caloroso va ai docenti, agli studenti e alle università ucraine che hanno voluto impegnarsi in prima persona, con entusiasmo, nelle varie attività. Negli anni abbiamo costruito una rete di amici della lingua italiana. Il fatto che questa rete sia ancora qui, tenace, pienamente operativa, dimostra la straordinaria resilienza del popolo ucraino. 

Il mio pensiero, in questo momento, non può non correre ai docenti e agli studenti dell'Università Statale di Mariupol, dove era attivo un eccellente dipartimento di italianistica. Voglio dedicare questa edizione della Settimana ai nostri amici di Mariupol". Lo ha dichiarato in una nota l'Ambasciatore d'Italia in Ucraina, Pier Francesco Zazo, sull'iniziativa che coinvolge gli Istituti Italiani di Cultura e le Ambasciate in tutto il mondo.   "

Al tempo stesso, lo svolgimento di questo ricco programma di eventi in Ucraina veicola un potente messaggio di speranza per il futuro. La rete degli amici dell'italiano è costituita da molteplici, prestigiose istituzioni: l'Università Ivan Franko di Leopoli, l'Università Grinchenko di Kiev, l'Università linguistica nazionale di Kiev, l'Università Shevchenko di Kiev e la scuola 130 "Dante Alighieri" di Kiev. 

Studenti e docenti presenteranno vari interventi stimolanti sul tema della sostenibilità in rapporto alla lingua italiana. Agli eventi sarà presente il Direttore dell'Istituto di Cultura, Edoardo Crisafulli. Segnalo infine, a chiusura della Settimana, l'intervento online di Claudia Conte, giornalista e scrittrice molto vicina alla causa dell'Ucraina, Paese da lei visitato di recente per un servizio televisivo realizzato con l'ausilio della ONG italiana "Memoria viva", che fornisce aiuti umanitari "ha concluso l'Ambasciatore.