Al Policlinico di Bari

Multe ai medici per troppo lavoro in pandemia: l'Ispettorato del lavoro sospende il procedimento

La ministra del Lavoro Calderone in mattinata ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il presidente dell'Ordine dei medici Anelli ha ringraziato pubblicamente per il provvedimento preso

Multe ai medici per troppo lavoro in pandemia: l'Ispettorato del lavoro sospende il procedimento
GoogleMaps
Policlinico di Bari

"L'Ispettorato Nazionale del Lavoro ha sospeso il procedimento su alcuni medici del Policlinico di Bari, multati per aver lavorato oltre il limite consentito nel periodo pandemico. L'azione ispettiva esercitata è stata avviata dall'Ispettorato territoriale a seguito delle segnalazioni effettuate da un'associazione sindacale autonoma per lamentare i mancati riposi e il superamento degli orari massimi di lavoro del personale medico nel corso del 2021. L'Ispettorato procederà, nei prossimi giorni, ad ulteriori approfondimenti per valutare l'annullamento delle sanzioni comminate", rende noto la Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Calderone.

In merito alla vicenda, la ministra del Lavoro "in mattinata ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a cui ha riferito delle attività in corso". Lo riferisce una nota del ministero in cui si ricorda inoltre che la ministra incontrerà il 24 ottobre al ministero il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei Medici chirurghi e odontoiatri, Filippo Anelli. 

E proprio Anelli ringrazia Mattarella e la ministra Calderone per la sospensione delle multe.

"Ringraziamo il Ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone per il tempestivo intervento al fine di risolvere la paradossale situazione dei medici multati per non aver rispettato, in piena pandemia, il limite degli orari di lavoro. Si tratta di un segnale di grande attenzione del Ministro e del Governo intero per la Professione medica, e di riconoscimento per il supporto che ha prestato e presta al Paese", ha dichiarato il presidente della Fnomceo. 

"Siamo grati al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – ha detto ancora Anelli – per avere, ancora una volta, dimostrato la sua solidarietà e la sua considerazione per i medici e per il loro contributo".

Il caso del Policlinico di Bari

A vedersi recapitata la sanzione dall'Ispettorato del Lavoro sono stati i primari di tre reparti del Policlinico di Bari. 27.100 euro, tanto deve pagare il direttore del pronto soccorso per non aver fatto rispettare a medici e infermieri i giusti riposi, in piena emergenza Covid tra giugno 2021 e lo stesso mese del 2022. Delusione e sgomento messi nero su bianco in una lettera al presidente della Repubblica

Un verbale da 5 mila euro, invece, per i direttori di chirurgia videolaparoscopica e centro trapianti di fegato. Le sanzioni, di cui risponde anche il Policlinico, sono state impugnate. 

Il direttore del pronto soccorso del Policlinico di Bari, Vito Procacci Ansa/Facebook/Vito Procacci
Il direttore del pronto soccorso del Policlinico di Bari, Vito Procacci