L'intervista al Corriere della Sera

Il ministro dell'Istruzione Valditara: "La scuola deve fornire gli antidoti all'antisemitismo"

Sabato parteciperà alla manifestazione organizzata dalla Lega perché "proprio in questo momento io credo sia importante affermare i valori occidentali di libertà, stato di diritto, laicità delle istituzioni"

Il ministro dell'Istruzione Valditara: "La scuola deve fornire gli antidoti all'antisemitismo"
Roberto Monaldo / LaPresse
Giuseppe Valditara in Senato

"La scuola costituzionale deve fornire gli antidoti contro qualsiasi rigurgito di discriminazione e di antisemitismo. È quella che insegna il giudizio. Quella del pregiudizio è la scuola fascista, comunista e di tutti i totalitarismi". Così al Corriere della Sera il ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara. Sull'antisemitismo nelle scuole italiane "dobbiamo denunciare questa recrudescenza, la comunità ebraica mi ha espresso una forte preoccupazione per il ritorno di un antisemitismo strisciante".

"L'Italia - dice ancora - con il fascismo ha vissuto un modello di scuola che imponeva una verità di regime, falsificando i fatti storici e indottrinando gli studenti. Trasformando la scuola in uno strumento di propaganda del partito unico. Lo stesso è accaduto nei paesi comunisti. La scuola costituzionale è lontanissima da tutto questo. Educa al rispetto della persona a prescindere da nazionalità, razza, religione, orientamento sessuale. Il ruolo del docente è di far emergere un dibattito e una riflessione plurale. Nella condanna più totale delle aberrazioni del passato: di certo non mette in discussione l'Olocausto, i pogrom, lo sterminio staliniano dei liberi contadini, le foibe".

Sabato Valditara sarà alla manifestazione leghista per la difesa dei valori occidentali: "Certo. È una manifestazione non contro qualcuno ma per qualcosa. Appunto per i nostri valori. Tra cui la tolleranza, che è un grande valore occidentale. Il che non significa non potersi difendere dagli intolleranti. Proprio in questo momento io credo sia importante affermare i valori occidentali di libertà, stato di diritto, laicità delle istituzioni, e ribadire che l'antisemitismo non tornerà, che non tornerà la discriminazione nei confronti di qualsiasi religione". 

Alla domanda se prenderà provvedimenti nei confronti di un professore dell’istituto Righi di Roma che avrebbe assegnato un tema prendendo spunto dalle posizioni di uno studente italo israeliano il ministro risponde: «Di questo caso specifico non posso parlare, dato che sono in corso gli accertamenti. Posso dire che la direzione scolastica regionale del ministero si è subito attivata ed è stata svolta un’indagine interna alla scuola i cui contenuti sono ovviamente riservati. Le autorità competenti stanno valutando quali iniziative assumere».