“Strage su commissione”

Banda armata assalta la miniera d'oro di Poderosa: 9 morti e 15 feriti in Perù

Uomini armati hanno aperto dei varchi nel giacimento facendo brillare diverse cariche esplosive. Dalle prime ricostruzioni, si tratterebbe di sicari assoldati da gruppi legati all'estrazione mineraria illegale. Sette arresti

Banda armata assalta la miniera d'oro di Poderosa: 9 morti e 15 feriti in Perù
Getty Images
La miniera d'oro a cielo aperto di Apumayo a Chavina, Ayacucho, Perù

Nove persone sono morte e 15 sono rimaste ferite nell'attacco compiuto da un gruppo di criminali in una miniera peruviana nella regione settentrionale di La Libertad. La notizia è stata diffusa dal ministero dell'interno del Perù: “Uomini armati hanno aperto varchi nella cava con esplosivi”. Una volta dentro la banda ha ucciso nove persone, in uno scontro a fuoco con il personale addetto alla sicurezza, ferite quindici, di cui alcuni gravi, e preso quattro lavoratori in ostaggio.

Si tratterebbe di una “strage su commissione”, in risposta alla stretta sull'estrazione illegale dell'oro. È stato il prefetto della regione La Libertad, Carolina Velasco, al quotidiano “La Repùblica” a rivelare i primi sospetti: “Sono probabilmente sicari assunti in risposta alla repressione delle autorità contro l'estrazione illegale dell'oro”.

La miniera di Poderosa è “leader nelle esportazioni di oro” e attività “chiave per l'economia nazionale”, la cui sicurezza “dovrebbe essere una priorità per il Paese”, fa sapere la Camera di Commercio di La Libertad che ha condannato l'episodio. L'intervento della polizia ha riportato la situazione sotto controllo. Sette persone sono state arrestate.