Nuove norme

Sindaci a vita nei Comuni piccolissimi, via libera al terzo mandato in quelli da 5 a 15mila abitanti

Entro i 5mila abitanti non ci sarà nessun limite ai mandati per la carica di sindaco. Ecco cosa prevede il nuovo decreto legge varato dal Consiglio dei ministri. Approvato anche l'Election Day

Sindaci a vita nei Comuni piccolissimi, via libera al terzo mandato in quelli da 5 a 15mila abitanti
(Ansa)
Amalfi, Costiera amalfitana

Comuni con meno di 5mila abitanti, come Amalfi o Amatrice, potranno avere, in via teorica, dei sindaci a vita. Con il decreto legge varato dal Consiglio dei ministri non ci sarà limite di mandato per i sindaci dei Comuni così piccoli, e salirà a tre il limite dei mandati per quelli da 5 a 15 mila abitanti

Nessun cambiamento per le amministrazioni più grandi, sia comunali che regionali. 

“E' il coronamento di un'altra storica battaglia della Lega, nell'interesse dei territori e dei cittadini”, fa sapere il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Roberto Calderoli, al termine del Cdm. 

Via libera anche al dl Elezioni con “disposizioni urgenti per le consultazioni elettorali dell'anno 2024 e in materia di revisione delle anagrafi della popolazione residente e di determinazione della popolazione legale”. Approvato il cosiddetto dl Election Day, provvedimento  che, tra le altre cose, accorpa la data delle elezioni europee, del  primo turno delle amministrative e delle regionali in Piemonte, Basilicata e Umbria. Il tutto accadrà l'8 e 9 giugno 2024.

Anci: “Vittoria democratica”

"La norma che estende il numero dei mandati dei Comuni fino a 15 mila abitanti e toglie ogni limite ai Comuni sotto i 5 mila è un passo avanti molto importante". A dirlo, il presidente dell'Anci, Antonio Decaro "Finalmente viene data una risposta positiva alla richiesta che da anni viene da tutti i sindaci e si sana, almeno in parte, un vulnus democratico che abbiamo sempre giudicato gravissimo - aggiunge Decaro - a questo punto diventa inevitabile andare fino in fondo, estendendo il numero dei mandati anche per i sindaci dei Comuni sopra ai 15 mila abitanti. Una volta chiarito che soltanto gli elettori devono avere il diritto di giudicare se i propri sindaci devono essere confermati o mandati a casa, una disparità di trattamento nei confronti di soli 730 comuni più grandi, sul totale dei 7896 comuni italiani, appare davvero incomprensibile, e probabilmente anticostituzionale".